Utente 350XXX
Il 9-5-14 ebbi un trauma alla mano destra con un taglio vicino al quinto metacarpo, il dottore che mi mise i punti di sutura disse che probabilmente si è tagliato il nervo ulnare. Ad oggi i sintomi sono lieve corrente al tatto in prossimita del taglio, che si diffonde fino al mignolo e nessuna sensibilita in una zona molto piccola vicino al taglio. Cosa mi consigliate fare NB dall ultima ecografia fatta il 10 giugno si evince ancara aperto all interno il taglio di 10mm x 4mm grazie e spero che avro vostre notizie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

se la sensibilita' del mignolo e meta' anulare risulta normale non puo' esserci una lesione del nervo ulnare, ma al massimo di un piccolo ramo nervoso sensitivo superficiale.

Va fatta una diagnosi precisa con una visita specialistica.

Buona notte.
[#2] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
facendo una visita da uno specialista mi ha diagnosticato la rottura del nervo dorsale ulnare, in quest ultimo mese ho sforzato la mano in questione, ad oggi mi risulta anche ad occhio inesperto un gonfiore di tutto il quinto metacarpo, che pero al tatto risulta duro. cosa potrebbe essere successo ? ma la corrente al tatto pur se leggero, in prossimità della ferita è una cosa momentanea? grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Il nervo dorsale ulnare è un piccolo ramo sottocutaneo sensitivo del nervo ulnare.

La sensazione fastidiosa di corrente potrebbe essere dovuta a un "neuroma da amputazione" se il nervetto è stato interrotto completamente, oppure a un coinvolgimento cicatriziale del tronchicino nervoso.

Il gonfiore probabilmente è dovuto alla cicatrice interna ed esterna, che raggiunge il massimo come durezza e spessore tra un mese e due mesi, per poi ridursi gradualmente.