Utente 350XXX
Però non sono sicura. Fin da piccola sono considerata soggetto allergico. Ho da poco cambiato allergologa perché da poco sto qui...e mi ha rifatto tutti i test. Ma non risulto allergica a niente. Li ho fatti due volte e sempre lo stesso risultato. A parte per i farmaci che mi ha fatto prendere in ospedale e mi hanno dato qualche problema..ma erano antibiotici.
Qualche giorno dopo, a scuola, facevo fatica a respirare e avevo qualche macchia rosso..e tipo..uhm nero sotto gli occhi..come quando pensavano che ero allergica. La mia dottoressa ha detto che forse potrebbe essere per una malattia autoimmune..perché il mio organismo produce o immagazzina(ora non ricordo) istamina di cui si libera facendola sembrare allergia(?). Ma ne esiste una legata alla sovrapproduzione di istamina? Io ora non faccio controlli... .-. Mi sono un po'stancata...ho preso per 10 anni cortisone e antistaminici per niente da quel che ha detto lei..per cui prima, so che non siete medici, o alcuni si, ma che non devo basarmi del tutto su quello che dite voi..ma può essere? E nel caso che tipo di cure si dovrebbero fare? O.o lei poi le ha tirate fuori tutte...dicendo che il fatto che ho spesso mal di testa(la risonanza dice che è tutto apposto..) sono stanca o robe simili può essere per quello.. .-. Diciamo che preferirei aspettare..anche perché, vero che i soldi ai miei non mancano, ma il medico per quelle robe vuole 100 euro a appuntamento da quello che ha detto a mia mamma quando si è informata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Lei ha descritto un episodio di dispnea associato a un'eruzione cutanea indefinita (chiazze? pomfi? altro?), nell'ambito di un quadro caratterizzato da cefalea ricorrente (di natura indeterminata) e «stanchezza». Non è possibile, sulla base di questi soli elementi, fare ipotesi particolari.
Dal Suo racconto non si riesce a comprendere quali elementi abbiano indotto a sospettare una qualche forma di autoimmunità sistemica.
Se avesse voglia di raccontarci qualcosa di più, potremmo cercare di darLe un orientamento.

Tra parentesi: i titoli (se non il curriculum) di ogni specialista che Le risponderà in questo servizio è visibile nelle pagine personali, bastano un paio di click.

Saluti,