Utente 350XXX
Gentili dottori,

è possibile curare una disfunzione erettile dovuta a un ipertono adrenergico ? in questi anni sono stato sottoposto a diverse visite specialistiche per individuare il problema,ma non avendo riscontrato nulla a livello organico mi è stato sempre detto che si tratta di ansia .
Ho provato quasi tutti gli antidepressivi in commercio nelle dosi e nei tempi adeguati per avere una risposta sintomatologica ma niente.
L'andrologo nel primo ecocolodoppler penieno con infusione di caverject ha diagnosticato una fuga venosa occlusiva,successivamente abbiamo rifatto l'esame con l'introduzione della fentolamina in questo caso ho avuto una leggera erezione.
Diagnosi finale DE causato da un ipertono adrenergico .
Ho assunto il levitra da 10 mg per 2 mesi tutti i giorni senza alcun risultato.
Da circa 8 anni non ho più erezioni spontanee notturne ( senza alcun dubbio ).
Con stimolazione manuale grosse difficoltà ad avere una leggera erezione .
Premetto che oltre alla disfunzione erettile sono accompagnato da altri sintomi come spasmi muscolari,tremori interni,miochimie palpebrali continue ed insonnia.
Ho provato di tutto a livello farmacologico senza nessun miglioramento.
Per fugare ogni dubbio mi sono sottoposto anche a sedute da una sessuologa.
Considerando questa situazione cosa posso fare ?

p.s

Ho effettuato tutte le indagini strumentali del caso sia nel settore andrologico sia per quello neurologico


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

fatta, sempre con la sua sessuologa, anche una attenta valutazione di tipo psicologico, comportamentale, relazionale ed altro?

Cordiali saluti.
[#2] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Beretta,

si certo abbiamo provato anche questo,non è servito a niente.
come si può giustificare l'assenza di erezioni notturne da ben 8 anni ? Non c'è nessun dubbio che ci siano.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

è stato fatto un NPT test?

Comunque, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html ,

http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Beretta,

l'andrologo non ha ritenuto il caso di sottopormi a questo test,le posso assicurare che non ho erezioni notturne di nessun genere.
Considerando gli altri sintomi descritti in precedenza sono stato seguito da diversi specialisti in sinergia ( andrologo,endocrinologo,psichiatra,neurologo ) .
Adesso sono fermo perche non sanno più cosa prescrivermi ho preso praticamente tutto in questi anni.
Ho provato anche gli alfa litici
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, forse ora è arrivato il momento di completare il suo iter diagnostico.

Ancora cordiali saluti.
[#6] dopo  


dal 2015
intende dire che devo chiedere al mio andrologo di sottopormi al NPT test ?
se dovesse risultare positivo cosa cambia dal punto di vista diagnostico ?
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Finisca le valutazioni andrologiche del caso, se tutte nella norma il suo è sicuramente un problema psicologico.
[#8] dopo  


dal 2015
se il test dovesse confermare il problema erettivo,mi dice anche la causa ? oppure esce di nuovo fuori la questione fuga venosa ?
tra l'altro nessuno è riuscito a spiegarmi se esiste o meno questa patologia.
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si legga o rilegga questo articolo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184/quando-l-erezione-e-d

Un cordiale saluto.

[#10] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Alle riflessioni del Dr. Beretta le allego delle letture ed un canale salute, dove troverà molto sul d.e

Le cause psicogene sono sempre da attenzionare adeguatamente.

La terapia non può essere " organo/ focalizzata", ma deve tenere presente la complessità della sfera sessuale.
Le pillole dell' amore eventualmente, vanno sempre integrate all' interno di un protocollo più ampio.

Una scrupolosa diagnosi clinica inoltre, può quantizzare ed investigare gli "aspetti ansiogeni" sempre presenti nel disagio sessuale, comprendendo inoltre se sono " causa o effetto" della disfunzione.



http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologic
http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1225/Deficit-erettile-un-


La diagnosi di d.e con etiologia psicogena o il dirle che si tratta di ansia, non significa che lei non abbia nulla, ma che che cause devono essere cercate altrove, non esclusivamente nel corpo
[#11] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Beretta e Dott.ssa Randone,

ho letto più volte questo articolo però non riesco a comprendere le possibili cure per un eventuale fuga venosa ( si parla di protesi ma sinceramente è un ipotesi che non prenderò mai in considerazione ).
Leggendo vari articoli riguardati la fuga venosa si dice tutto il contrario di tutto ( esiste ho un sintomo di altro ? di cosa ? ).
Come ho scritto nei post precedenti la d.e è accompagnata da anni da altri sintomi come miochimie continue,spasmi muscolari e insonnia.
Provato tutte le cure farmacologiche ( psichiatriche ) a disposizione con i massimi dosaggi con i tempi dovuti ( nessuno effetto ).
Potrebbe essere che la disfunzione erettile sia la causa anche degli altri sintomi e non il contrario ? essere impotente è un macigno enorme che mi porto dietro ogni secondo della mia vita.
La ringrazio anticipatamente per la risposta
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ha completato, con il suo andrologo, l'iter diagnostico prospettato?
[#13] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Beretta,

ancora non ho effettuato l'esame perche sto assumendo il deniban a basso dosaggio ( ultimo tentativo da parte del psichiatra ).
Se lei mi dice che non influisce sull'esame domani contatto il mio andrologo per fare il test.
A tal proposito la cavernosografia è un altro esame utile ?
[#14] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Consulti il suo andrologo!

La cavernosografia viene indicata come indagine pre-chirurgica.
[#15] dopo  


dal 2015
Domani prenderò un appuntamento con il mio andrologo .
Generalmente è un esame costoso ?
[#16] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Può essere eseguito tramite SSN.
[#17] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Beretta,

per eseguire il test con il servizio nazionale è necessaria la ricetta dell'andrologo o posso tranquillamente richiedere l'esame in ospedale portando la ricetta del medico curante ?
Purtroppo privatamente costa troppo .
[#18] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Vi sono disposizioni regionali leggermente diverse; sicuramente il suo medico di famiglia sa quale è la corretta procedura da seguire nella sua Regione.

Un cordiale saluto.
[#19] dopo  


dal 2015
Purtroppo ci vuole troppo tempo se utilizzo il ssn per questo ho deciso di farlo a settembre privatamente.
Nei post precedenti ho dimenticato di dirle che ho sempre la sensazione di avere una forte vasocostrizione delle vene del pene e come se il sangue non circolasse bene inoltre al tatto ho strane sensazioni.
Quando faccio attività sportive ( anche quando ho fatto l'ecocolodoppler ) il pene diventa piccolissimo ,è una cosa normale ?
[#20] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se vi è molta "adrenalina in giro" sicuramente!
[#21] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Beretta,

consultando vari siti sulla disfunzione erettile causata da una fuga venosa,ho scoperto che c'è una metodologia chiamata embolizzazione radiologica, per caso la conosce ?
potrebbe essere una soluzione ?
[#22] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Vecchia strategia terapeutica, caduta in disuso, mai comunque consigliata alla sua età.

Un cordiale saluto.
[#23] dopo  


dal 2015
attualmente non c'è nessuna cura per questa patologia ? La protesi è una soluzione che non prenderò mai in considerazione ...purtroppo non rispondo a nessun farmaco orale
[#24] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non drammatizzi e senta o risenta ora in diretta il suo andrologo di riferimento!

Ancora un cordiale saluto.
[#25] dopo  


dal 2015
Purtroppo vivo un dramma dove non c'è via di uscita...l'andrologo non sa più che dirmi,abbiamo provato tutto quello che è possibile attualmente.
Ancora ( per mia sfortuna ) si sa poco su questa patologia,alcuni mi dicono che ho una fuga venosa altri ipertono adrenergico che è praticamente la stessa cosa.
[#26] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

non è la stessa cosa!

Ad esempio l'"ipertono adrenergico" ha una importante componente psicologica che va attentamente valutata anche con un esperto psicologo.

Ancora un cordiale saluto.
[#27] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Beretta,

ho effettuato diverse volte l'ecocolordoppler penieno con infusione di caverject ( se non sbaglio fino al dosaggio di 15 mg senza nessuna risposta erettiva ) per molti si tratta di fuga venosa,per alcuni di ipertono adrenergico.
L'ultimo andrologo mi ha sottoposto prima a un ecocolordoppler con solo infusione di caverject e poi in una successiva visita abbiamo ripetuto l'esame con l'aggiunta di una sostanza che blocca l'adrenalina .
Pur avendo avuto la stessa risposta ha cambiato la diagnosi iniziale di fuga venosa a ipertono adrenergico.
Tornando alla sua risposta ho effettuato diverse sedute da una sessuologa e non risulta imputabile a un fattore psicogeno.
[#28] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Ad ottobre scriveva chiedendo lumi sull'ansia

http://www.medicitalia.it/consulti/Psichiatria/437205/Lyrica-dopo-quanto-tempo-agisce-sull-ansia

I tre ambiti- ipertono adrenergico, deficit erettivo ed ansia- non sono disgiunti.



[#29] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Randone,

purtroppo la mia situazione è molto complessa,nel senso che ho molti sintomi ( a parte la disfunzione erettile )che non hanno avuto riscontro organico.
In questi anni ho assunto tutti i farmaci possibili in psichiatria per tali disturbi,il lyrica è l'ultimo farmaco che stiamo provando ( con scarso successo ).
Le faccio una breve lista di quello che ho assunto: paroxetina,zoloft,fevarin,trittico,elopram,laroxyl,Efexor,prozac,anafranil,tofranil.
tutti provati per tempi e dosi indicate ( in alcuni siamo arrivati al dosaggio massimo).
Adesso sinceramente non so a quale specialista rivolgermi

[#30] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Lo psichiatra per il percorso farmacologico ed uno psicologo/ psicoterapeuta per l'aspetto psichico.
La sfera della sessualità non è disgiunta da tutto il resto.
[#31] dopo  


dal 2015
Gentile Dr.ssa Randone,

ho già seguito questo percorso in passato,senza i risultati sperati.
C'è stato un periodo in cui ero seguito in sinergia da un andrologo,sessuologo,neurologo e psichiatra.
[#32] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Se non sono riusciti loro, noi online, possiamo solo ascoltarla.
Cambi medici, a volte capita che cambiando professionisti, protocolli terapeutico e sinergie professionali, si attivino dei cambiamenti

Non sappiamo cosa abbia fatto realmente e non spetta a noi giudicare le terapie svolte, ma non smetta di sperare.
[#33] dopo  


dal 2015
Gentile Dr.ssa Randone,

ho fatto anche questo. Se lei ha letto bene la mia storia si ricorderà di me ( circa un anno e mezzo fa )
[#34] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Se lei è la persona che penso, ha smesso prima di cominciare....ed ha ancora cercato "danni organici" , tra l'altro la problematica erettiva era la conseguenza di ben altro


Passare da un medico all'altro non aiuta, perseverare ed essere costanti nella cura, se è ben seguito, si.
[#35] dopo  


dal 2015
Gentile Dr.ssa Randone,

per darle conferma o meno se sono io la persona che pensa ,le dico che conosce il psichiatra e l'andrologo in cui sono in cura.
Mi sembra quasi impossibile che la psicologia posso alleviare i sintomi che nemmeno i farmaci hanno saputo fare.

[#36] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

se il problema non fa riferimento a chiare cause organiche ed ha invece, come fattori scatenanti, importanti cause psicologiche purtroppo vi è il rischio reale che nessun farmaco possa essere realmente utile.

Un cordiale saluto.
[#37] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Beretta,

per me è incomprensibile imputare tali sintomi a cause psicologiche.
[#38] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questo è un altro discorso che la porta però ad una visione un pò "solitaria" del suo problema e questa prospettiva purtroppo non prevede successive e altre razionali discussioni, neppure in questa sede.

Ancora un cordiale saluto.
[#39] dopo  


dal 2015
Gentile Dr. Beretta,

posso sembrarle irrazionale,ma non riesco a capire come la mente possa bloccare in maniera permanente l'erezione.
[#40] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Per ben comprendere una tale situazione clinica purtroppo bisogna seguire un non semplice percorso psico-sessuologico.

Ancora un cordiale saluto.