Utente 563XXX
Egr Dottori
Il 26 maggio 2008 ho eseguito una fundoplicatio di nissen. I risultati a oggi non sono buoni ho sempre rigugidi acidi diurni e notturni.
Il 26 giugno 2008 ho eseguito l' rx esofago che è stato refertato quanto segue:
Esofago normocanalizzato a pareti lisce; non alterazioni endoluminali di natura intrinseca.
Cardias pervio e continente.
Non evidente reflusso gastro- esofageo.
Stomaco normodisteso: non alterazioni mucose; regolare il rilievo delle pliche gastriche.
Piloro Pervio.
Bulbo duodenale normoconformato; non segni riferibili a patologia peptica in atto.
Regolare il transito nelle restanti porzioni del duodeno e nelle prime anse del digiuno.

Desidero sapere se si può parlare di fallimento della fundoplicatio.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore,
dagli esami effettuati (RX transito intestinale nella norma) e dai sintomi elencati (ho sempre rigurgiti acidi) non è possibile esprimere alcun giudizio.
Bisognerebbe innanzitutto conoscere le condizioni cliniche e gli esami effettuati prima dell'intervento, poi bisognerebbe valutare il tipo di intervento effettuato (non basta dire Fundoplicatio di Nisen), ed infine per poter dichiarare il fallimento dell'intervento, cosa possibile e più frequente di quello che si immagini, è necessario ricorrere ad alcuni esami che documentino tale fallimento.
La cosa più semplice sarebbe magari di riparlare con il chirurgo che ha effettuato l'intervento e sentire il suo parere.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Stefano Enrico
24% attività
4% attualità
12% socialità
ORBASSANO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Concordo con il Collega.
Aggiungo sol che la valutazione strumentale dei risultati si ottiene con MAnometria esofagea e PHmetria/24 ore, da confrontare con i dati preoperatori.
Si rivolga al Centro in cui è stato operato, e valuti con loro se instaurare una terapia medica e/o eseguire la rivalutazione strumentale.
Auguri,
S. Enrico