Utente 114XXX
Salve illustri dottori,
ho ventinove anni e scrivo da Lecce. Purtroppo da un anno e mezzo convivo con particolari problemi di natura rinologica/otologica che sembrano peggiorare e non trovano soluzione.


Naso chiuso, bruciore, ovattamento auricolare, acufene: tutto è iniziato così. Le cure a poco sono servite: solo le terme mi avevano dato qualche beneficio.

Ma arrivo al dunque: ho fatto due prick test a distanza di un anno. Entrambi negativi.
Mi sono anche sottoposto ad internvento di settoplastica e turbinoplastica.


Continuo ad avere problemi importanti: narici totalmente ostruite e bruciori che il giorno seguente si trasformano in problemi di carattere otologico che mi sconvolgono.

Ho visto nuovamente l'otorino che questa volta avrebbe giustificato la questione con una malattia da reflusso. Sto facendo la cura, ma nulla è cambiato. Anzi: continuo ad avere diarrea.


Mi sto orientando su un problema di carattere allergico: soprattutto su un problema di carattere Alimentare... sono un salutista e non mangio porcherie.

Ma voglio chiedervi: quale potrebbe essere il Test più valido (quanto meno il primo) per accertare una eventuale ALLERGIA ALIMENTARE.

Solo una risposta positiva potrebbe giustificare tutto...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Il test migliore è il Prick cutaneo con alimenti commerciali oppure dosaggio IgE-specifiche per alimenti.
Da quanto scrivo non credo che sia causata da alimenti. Alimenti danno disturbi orali con prurito ma non rinite.
La Sua forma è probabilmente da ascrivere ad una forma non allergica, vasomotoria che è molto frequente.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
ritengo che sia necessario un completamento diagnostico con un esame non molto conosciuto, ma importante : la citologia nasale che può indirizzare sul tipo di rinopatia di cui soffre.
[#3] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimi dottori grazie mille della vostra disponibilità e delle vostre risposte.

Dell'esame citologico ho sentito parlare ed in effetti sembrerebbe il metodo che quanto meno mi darebbe un segno.


Ho un'altra domanda: Allergia al Lattice.

Utilizzo i preservativi: in passato ho per altro avuto episodi di prostatite.

Ovviamente anche li la cura con antibiotici e dopo tanto tempo e pazienza il discorso sembra essersi chiuso


La domanda che vi sottopongo è la seguente: un'allergia al lattice (con il quale ho contatti solo per via di utilizzo di contraccettivi) potrebbe scatenare una Reazione al Naso, agli occhi (bruciore) e non magari un problema dermatologico alle zona???

Ma soprattutto: il test che meglio identificherebbe il problema?
[#4] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimi dottori, riprendo questa vecchia richiesta di consulto perché, nonostante siano passati due anni, ancora nulla è risolto.

Sono ormai giunto alla conclusione di esser inevitabilmente Allergico. Spiego i motivi: da 4-5 anni all'arrivo di Marzo e sino a Settembre il mio naso và in fiamme con atroce coivolgimento delle orecchie.

Ottobre -Febbraio: NULLA!

Ovviamente ho fatto più volte il prick test (3 per l'esattezza) ma sono sempre risultati negativi.

Lo scorso anno, nonostante questo, ho iniziato a prendere l'Antistaminico e... Incredibile ma vero, sono stato bene. Oddio, ogni tanto il naso mi si tappava ma quanto meno non ho avuto le atrocità delle orecchie e quel senso di sbandamento che ormai da anni sopportavo.


Mi direte. "Dunque, se hai risolto?". Sarebbe giusto: ma quest'anno mi ero ripromesso che se fosse arrivato Marzo ed avessi riavuto gli stessi problemi avrei nuovamente pensato ad un'Allergia e dunque a vederci più chiaro.

Come consigliatomi ho fatto l'Esame citologico nasale in Novembre. Ecco il responso:
EOSINOFILI: +++-
NEUTROFILI: ++--
LINFOCITI: *---
MASTOCITI: ----

Arriviamo al quesito: visto che i PrickTest danno esito negativo, mi stavo orientando all'idea di fare il RastTest come mi venne consigliato.


La domanda è la seguente: considerando che la mia "pseudo" allergia inizia a Marzo (sempre riscontrato negli ultimi anni) per poi concludersi tra Settembre e Ottobre, quali Elementi sarebbero da prendere in considerazione per il RAST?

Grazie in anticipo