Utente 350XXX
gentile dottore,facendo un eco ho scoperto di avere un prolasso mitralico bilembo,con mixomatosi del lembo mitralico anteriore e insufficienza telesistolica di grado poco piu che live ,dall ECG invece è risultato un lieve ritardo di attivazione ventricolare destro,volevo sapere se tutto ciò è causa dei disturbi che avverto,cioè capogiri,pressione arteriosa bassa,extratsistole e fastidio al petto con senso di oppressione,molte volte anche a riposo.il medico mi ha consigliato l ivabradina,perchè non posso prendere beta bloccanti in quanto soffro di pressione bassa,lei cosa ne pensa.la ringrazio in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se lei fosse affetto da prolasso da degenerazione mixomatosa dei lembi mitralici dovrebbe controllare mediante ecografia il suo cuore.
La ivabradina NON ha indicazioni nel suo caso anche se spesso viene usata (off label).
Non tutti i beta bloccanti sono uguali, alcuni hanno molta influenza suo valori di pressione arteriosa, altri molto meno.
Tenga conto che peraltro che la ivabradina rallenta solo la frequenza, mentre il beta bloccante riduce il rischio di aritmie, comune nel vero prolasso mitralico
Arrivederci