Utente 351XXX
Buongiorno
sono un po'preoccupato per le mie prestazioni sessuali
a 34 anni non riesco a concludere un rapporto normalmente
in quanto dopo una erezione normale iniziale il mio pene
ha alcuen difficolta ad entrare in vagina. E questo si verifica anche
in altri tipo di rapporti (come la mia partner mi richiede..avete capito)
magari riesce ad entrare ma dopo un po' esce in quanto - credo - la curvatura
rende un po' tutto difficile.
Conseguentemente alla difficolta nell'entrare (scusate il termine nudo e crudo)
provo un imbarazzo emotivo che fa perdere vigore all'erezione
che di per se , all'inziio dell'atto, con i dovuti preliminare, è normale.
La mia partner sostiene che debba usare le famose pillole, io credo che invece
questa difficolta nel mantenimento dell erezione sia dovuta alla curvatura del pene in fase di erezione.
Preciso che la foto allegata è del pene in quasi totale erezione. In erezione completa è meno curvo ma..siamo la' piu' o meno.
Mi rivolgo a chi ne sa piu' di me.
In allegato l'immagine del mio pene in erezione quasi completa.
http://it.tinypic.com/view.php?pic=2pyyil4&s=8
Grazie a tutti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente

per fare una diagnosi serve confrontarsi con lo specialista che valuterà attraverso un'ecodoppler dinamicopenieno sia un eventuale problema vascolare che la morfologia peniena e quindi proporle la terapia più opportuna.

Un cordiale saluto