Utente 129XXX
Buongiorno dottori,
da qualche mese non sto passando un bel periodo, è cominciato tutto con un acufene pulsante (che ho tutt'ora), poi spossatezza, delle specie di mal di testa, a volte vertigini e una sorta di stordimento, come se stessi per perdere la lucidità da un momento all'altro.

Ultimamente cercavo di stare meglio ma mi sta capitando un fatto strano.

Dieci giorni fa ho avuto extrasistoli per 4 sere di seguito (una a sera abbastanza forte), poi mi è rimasto un senso di batticuore e di "ansia" perenne. Il tutto arrivato da zero.
Le extrasistoli le ho avute anche in passato e anche sporadici episodi di palpitazioni, ma ultimamente sembrano quasi una costante.

Ho notato che le palpitazioni (e le extrasistoli quando è capitato) sono aumentate sempre la sera dopo cena, come se c'entrasse con la digestione. Tanto che avevo pure momenti in qui mi sembrava di sentirmi strano, come se fossi meno lucido o "ubriaco" oppure delle specie di mal di testa.
Lontano dai pasti diciamo che va un po' meglio, ci sono anche giorni migliori e altri dove mi sento peggio. In giornata comunque riesco a fare tutto abbastanza bene.

Avendo avuto questi problemi, ho fatto un po' di esami negli ultimi mesi (da febbraio ad aprile), tutti negativi che non hanno evidenziato nulla. Tra RM encefalo, ecodoppler tsa, esami sangue ecc.

Gli esami cardiologici fatti sono stati: visita (ovviamente), ecg (non da sforzo), ecocardiogramma, tutti risultati normali.

Sono anche tornato dal medico di base una settimana fa per spiegargli l'accaduto. Mi ha dato un'ascoltata al cuore, pressione, ecc, senza trovare nulla. Mi ha prescritto una cura ricostituente sospettando che ci sia anche una forte componente emotiva sotto.
Al momento della visita stavo comunque abbastanza bene, in quel momento non mi sembrava di avere batticuore.
Purtroppo non faccio molto sport e di corporatura sono abbastanza magro. Tuttavia quando riesco faccio delle camminate e sotto sforzo non mi pare di sentire palpitazioni strane, se non quelle normali da sforzo.

Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente
le sue extrasistoli sono benigne. Si tratta di piccole aritmie molto frequenti nella popolazione sana e spesso decorrono inavvertite. In soggetti ansiosi come lei innescano sintomi da crisi di panico, ma il reale probelma non è rappresentato dalle extrasistoli, ma dall'ansia. Il consiglio che posso darle è di autocontrollarsi e di non pensare di essere un ammalato di cuore,ma se non dovesse riuscirci sarebbe opportuno chiedere aiuto ad uno psicologo.
Cordialmente