Utente 189XXX
Salve vorrei chiedere un consiglio a voi medici.... Inizio col dirvi che il problema riguarda il mio compagno, stiamo insieme da circa 10 anni e più e già subito abbiamo iniziato a convivere, la nostra vita sessuale era molto soddisfacente.... ma circa un anno fa e poco più lui inizia a non voler più avere nessun rapporto (premetto che ha avuto problemi lavorativi molto stressanti che lo hanno portato ad avere crisi d'ansia forti) e da allora che più o meno è iniziato tutto anche se non mancano mai momenti affettuosi uscite allegre e baci e abbracci molto intimi..... ma di arrivare al pensiero di avere un rapporto o spingersi oltre ad un bacio o un abbraccio non se ne parla....O meglio se ne parla e si vede il suo dispiacere profondo io cerco di essere il più dolce possibile e ultimamente sempre con tanta dolcezza e comprensione cerco di ricordargli i momenti passati felicemente insieme e l'amore fortissimo che provo verso lui.....ma vedo e sento che lui vorrebbe che tutto tornasse come prima ma ancora non riesce..... cosa dovrei fare? sbaglio a fare ciò che faccio o vado avanti così? Non vorrei andare a fare terapia perché conoscendolo non si sfogherebbe e sarebbe una spesa che ora come ora lo butterebbe ancora più giù visto le scarse possibilità economiche......cosa mi consigliate di fare? Tutto ciò mi fa star male perché devo tenere tutto dentro per non fargli pesare tutto ciò ma mi sento non desiderata amata si ma non desiderata e tutto ciò mi mortifica nonostante con lui faccia finta di niente....

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

avete consultato un andrologo?

Se desidera comunque avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/226-desiderio-sessuale-fare-viene-mancare.html .

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 189XXX

Iscritto dal 2011
no pultroppo non abbiamo consultato nessuno perchè ho il timore che lui possa sentirsi inadeguato nel domandargli io di andare da un medico vorrei aiutarlo ma ho paura di sbagliare in ciò che faccio lei potrebbe darmi dei consigli oltre a quello di consultare un andrologo?
[#3] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile signora,

dopo aver sentito un andrologo, potrebbe essere utile anche sentire il parere di uno psicologo psicoterapeuta, magari presso l'ASL della Sua zona, perchè Lei riferisce eventi che certamente possono incidere sul desiderio sessuale ma anche avere risvolti sul tono dell'umore.
La perdita del lavoro ad es. è per un uomo un evento particolarmente stressante, sia per il ruolo che gli uomini ricoprono all'interno della società e nella famiglia, sia per l'angosciante percezione di perdita di controllo, stima e potere sulla propria vita e famiglia.
Quindi se il Suo uomo è restio ad andare da uno psicologo per un'eventuale consulenza, il mio suggerimento è quello di iniziare Lei a prendere contatti con un Collega. Questo potrà esserLe utile per capire come relazionarsi con lui in maniera più efficace, perchè è probabile che, anche se le Sue intenzioni sono delle migliori, magari finisce proprio con il rafforzare il circolo vizioso nel quale sembrate entrati.

Cordiali saluti,
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Genrile Signora,
Come detto dai colleghi, la prima ed indiscussa tappa è la valutazione andrologica
Il desiderio sessuale ipoattivo, può anche essere spia di disagi ormonali o fungere da copertura ad altre patologie, non sempre ha cause psichiche e relazionali.
Senza la valutazione andrologica e gli esami ematochimici, non si può comprendere di cosa stiamo parlando.
Spesso, in sessuologia, cause ed effetti poi si confondono, ecco perché la diagnosi è il primo tassello per stabilire quale protocollo terapeutico adattare al suo compagno ed alla sua coppia, senza mai tralasciare l' aspetto diadico.

Le allego delle letture sull' argomento

http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1240/Idisturbi-del-deside
http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1268/I-disturbi-del-desid
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3767/Calo-del-desiderio-s