Utente 269XXX
Salve. Sto cercando di contattare il mio medico di base per fissare un' appuntamento ma non è ancora raggiungibile... nel frattempo espongo qui il mio problema nella speranza che qualcuno possa dirmi qualcosa prima di fasciarmi la testa perchè la cosa mi sta davvero preoccupando.
Circa una settimana fà, mi sono accorta di avere un rigonfiamento nella parte destra della schiena vicino alla colonna vertebrale più o meno all' altezza della vertebre dorsali centrali. Si nota se mi inarco in avanti ed è delle dimensioni, di un' albicocca ( più di una noce, per intenderci). Se la tocco sento un po' di bruciore ma forse perchè adesso mi sto agitando... di norma non sento nessun dolore. Al tatto sembra "dura e immobile", quasi come un muscolo "allenato"..(cosa
molto improbabile in quel punto oltretutto non faccio pesi nè altra attività fisica tranne un'oretta di corsa a giorni alterni ed ho una discreta linea).
Ringrazio per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
formazioni a catico dei tessuti molli in quella sede sono per lo più rappresentate da cisti sebacee o lipomi.
Ovviamente necessita di conferma dal vivo.
[#2] dopo  
Utente 269XXX

Iscritto dal 2012
Grazie Dottor Piscitelli ,
infatti si tratta di lipoma di 4 cm. Adesso mi hanno consigliato di fare una visita chirurgica e di asportarlo ma dato che non mi dà proprio tanto fastidio, pensavo di non toccarlo...oppure andrei incontro a qualche complicazione ovvero che con il tempo da "benigno" come me l'hanno presentato, diventi maligno? Il medico che ha eseguito l' ecografia mi ha anche detto che sono soggetta a questi lipomi, dal momento che sette anni fà ne avevo un' altro al seno e me l'aveva diagnosticato sempre lei (dottoressa) e come ora, mi disse di asportarlo e cos' feci.
Un' altra cosa: ma come si capisce che è benigno da un' ecografia? Non si dovrebbe analizzare la "materia"? Perdoni la mia ignoranza, abbia pazienza ma siccome mi hanno detto che son predisposta a queste cose, crede che debba approfondire ed eseguire periodicamente dei controlli?
Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
L'aspetto ecografico di un lipoma e sufficientemente tipico da consentire una diagnosi ragionevolmente certa. E' tuttavia solo l'esame istopatologico della formazione asportata a conferire la definitiva conferma.
A prescindere da ciò è in ogni caso consigliabile rimuovere un lipoma per la possibilità che si accresca ulteriormente (quindi comunque sarà necessario l'intervento) e per i possibili fenomeni infiammatori suppurativi che, qualora si verifichino, arrecano notevoli fastidi.