Utente 838XXX
Buongiorno Dottori,
chiedo un consiglio a chiunque abbia voglia di rispondermi.E' un problema che riguarda sia me che il mio bambino. Inizio con il piccolo, 5 anni, sempre ammalato con problemi di broncospasmo, tosse e malattie varie che prende all'asilo. Tutti i mesi è ammalato. Elenco i mesi dell'asilo di quest'anno: settembre 2013 antibiotico per bronchite - ottobre 20 giorni di gastroenterite - ottobre 10 giorni varicella - novembre vomito e dissenteria - gennaio vomito e febbre - febbraio bronchite - marzo febbre - aprile febbre e vomito - maggio broncospasmo - giugno febbre alta - luglio???? è appena iniziato.. potete immaginare in che stato è il bambino, uno straccio... E' sempre stanco, stanco e stanco. Ho fatto visita cardiologica, tutto perfetto, bimbo sano da quel punto di vista, visita dal pneumologo, troppo piccolo per spirometria, visita dall'allergologo essendo io un'allergica, fatto test cutaneo, risultato negativo ma lui dice che potrebbe essere un fattore allergico il continuo broncospasmo che ha. Io mi chiedo, non esiste qualcosa per poter alzare le difese immunitarie oppure chiedo se devo fare ulteriori approfondimenti, visite.. accetto consigli...
Ora tocca a me: 35 anni, da quando il bimbo va all'asilo sono messa come lui, stressata per la nascita di un secondo figlio e sempre ammalata, ho avuto pure la polmonite che mi ha accompagnato per 5 mesi dai quali sono uscita distrutta, ho avuto la gastroenterite, ora sono ancora con un po' di febbre e la bocca piena di afte che non mi danno tregua. Anch'io come il bimbo come mi devo comportare? Io sono un' allergica da sempre... Aiutatemi in qualsiasi modo. Vi ringrazio tanto, sono a pezzi ultimamente..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
149046

Cancellato nel 2014
Potrebbe essere utile effettuare una visita presso uno specialista Immunologo Clinico per la messa in atto di indagini mirate ad escludere (o riscontrare) un eventuale deficit delle difese immunitarie. Cordiali saluti