Utente 110XXX
Buona domenica. Soffro di rinite allergica da moltissimi anni. A 18 anni ho fatto i test sulla pelle e sono risultata allergica agli acari della polvere con +++ 3 crocette. Non ricordo se anche ad altro. Comunque quello che volevo chiedere e se un aumento di istamina può essere la causa dell'emicrania con aura.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Non capisco cosa intenda esattamente per «aumento di istamina».
Ad ogni modo, alcune forme di cefalea possono essere indotte o peggiorate dall'assunzione di alimenti contenenti sostanze vasoattive, altre possono comparire come conseguenza di una sinuiste frontale.
Pertanto nella valutazione neurologica si è soliti considerare anche questi aspetti.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Salve dottore. Mi scusi se le rispondo solo adesso.Per aumento di istamina intendo ad essere esposta ad allergeni. Comunque leggendo la sua risposta capisco che la mia emicrania con aura potrebbe essere causata proprio dalla mia allergia o sbaglio? Oppure addirittura dalla sinusite frontale patologia della quale soffro?
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
La sensibilizzazione agli acari (= le "Sue" fonti di allergeni) può essere responsabile di un «aumento di istamina» localizzato alle vie respiratorie, ivi compresi anche i seni paranasali. Questo può facilitare lo sviluppo di sinusiti croniche/recidivanti, che a loro volta possono manifestarsi anche con cefalea frontale qualora interessino i seni frontali.
Non è detto che quanto esposto corrisponda alla Sua situazione specifica, ma - soprattutto se non cura a dovere la problematica allergica - resta una possibilità che il neurologo, l'otorino e l'allergologo devono esplorare.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Credo dottore che oltre agli acari sia allergica anche a qualche pianta tipo l'ulivo e alle polveri in generale. Quindi secondo lei devo far presente al neurologo che sono allergica. Purtroppo abitando in un paesino l'unico neurologo è quello dell'asl.
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Lo deve far presente al neurologo (non è assolutamente detto che il medico dell'ASL che esercita in un paese piccolo sia meno capace di uno che lavora in un ospedale grande), il quale poi potrà confermare o escludere un nesso fra le due cose. In ogni caso la problematica allergica deve essere affrontata adeguatamente a prescindere da quella neurologica.
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera dottore. Io sono allergica alla polvere con 3 crocette e credo anche ultimamente anchr a qualche pianta. Non ho allergie alimentari ma ultimamente mi è presa la fissa per lo shock anafilattico e quindi non sto mangiando quasi niente. Potrei avere una reazione anche con cibi sempre consumati? È vero che chi soffre di rinite allergica può avere delle reazioni anche ai cibi? A quali dovrei stare attenta?
[#7] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
«Non ho allergie alimentari ma ultimamente mi è presa la fissa per lo shock anafilattico»: questo significa che non ha bisogno di un allergologo per la questione alimentare; indicherebbe piuttosto l'esistenza di un disturbo ossessivo che potrebbe avere un riflesso sulla condotta alimentare, pertanto deve fare riferimento a un collega psichiatra.
Saluti,