Utente 289XXX
Buona sera.
Scrivo per avere alcune informazioni riguardanti lendormin. Sono un ragazza con endometriosi e cistite interstiziale; l'urologa mi consigliò lendormin per riposare bene la notte specie quando il mio disturbo si acutizza (bruciore vescicale). In precedenza ho usato laroxyl e/o rivotril per tale problema e occasionalmente valium sebbene a dosi contenute e con interruzione di tali in un certo momento in cui il disturbo rispondeva solo a lyrica x migliorare. Ho notato che da quando assumo lendormin ho un sonno "artificiale" nel senso che non ho sonnolenza finché non lo assumo sebbene mi permetta di dormire profondamente e di gg ho una sensazione particolare di iperattività mentale. Credevo di poterlo smettere facilmente e invece non sembra. Il disturbo vescicale e endometriosi è ultimamente sotto controllo grazie a varie altre terapie e alimentazione molto attenta. In che modo e a chi rivolgermi per sospendere lendormin o riuscire a usarlo all'occasione? È vero che benzodiazepine a lunga emivita danno meno dipendenza? In generale come agire? Ho già provato con melatonina e rimedi naturali ma non ho avuto ancora i consigli/risultati desiderati.
Spero possiate darmi utili informazioni. Per altri chiarimenti sono a disposizione.
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gentile utente
è consigliabile che per la sospensioen di lendormin si rivolga ad uno specialista psichiatra o ad un Neurologo