Utente 300XXX
Salve, sono un pianista di 24 anni. Da quando ho iniziato a suonare (all'età di 12) il 5° dito della mano sinistra "scatto" quando lo voglio articolare. Da premettere che ho un'ottima tecnica con soddisfacente grado di rilassamento muscolare alla tastiera, l'articolazione diventa particolarmente lenta quando voglio articolare il 4° e il 5° dito della mano sinistra, cosa che non avviene alla mano destra. Escludo che sia un problema tecnico perché con la mano destra riesco a eseguire passaggi particolarmente veloci con queste due dita (i trilli, per chi se ne intende), sia una questione di "dominanza" della mano, perché riesco a eseguire passaggi particolarmente ostici anche con la mano sinistra. Il mio unico problema è l'articolazione 4°-5° dito della mano sinistra: il dito scatta verso l'alto e la nocca pare rientrare nel carpo compiendo uno scatto. Non è doloroso, ma non mi permette di raggiungere velocità molto alte. Si può risolvere? Esistono centri dedicati ai musicisti? Possibilmente in Puglia o a Bologna. Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

per prima cosa bisogna capire se si tratta di uno scatto articolare (raro) o a livello della puleggia dei tendini flessori (molto comune).

La terapia è in funzione della diagnosi.

Non mi risultano Centri specificatamente dedicati ai musicisti.

Buon pomeriggio.
[#2] dopo  
Utente 300XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la risposta. A titolo di curiosità, quali sarebbero le terapie in entrambi i casi? E sono problemi "solitamente" risolvibili?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Solo se è interessata la puleggia la terapia è semplice: laser + ultrasuoni (o similari), fino alle infiltrazioni locali.

Solo in caso di insuccesso, l'intervento chirurgico.