Utente 822XXX
Sto valutando la possibilità di eseguire un trattamento d'ortodonzia al fine di raddrizzare la posizione di alcuni denti.
Un primo medico consultato mi ha detto che il trattamento con apparecchio metallico durerebbe circa un anno-un anno e mezzo.
La cosa che mi ha spaventato, però, è stata questa: mi ha preannunciato che, a fine trattamento, dovrò portare per sempre una placchetta interna per "sostenere" almeno 6 denti ed obbligarli a non migrare e storcersi nuovamente.
Domanda: non ci sono alternative ?
La pulizia dei denti ne risentirà?
Vi ringrazio e vi saluto.

P.s. come si lavano i denti durante il periodo in cui si ha l'apparecchio?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
64156

Cancellato nel 2012
Gentile utente,
Il dispositivo di contenzione di cui si parla consiste in un sottile filo metallico, o un nastro di fibre attaccato alla faccia linguale degli incisivi e canini inferiori con una particolare resina composita.
Non si vede, non le darà alcun fastidio e credo che dopo un paio d' anni si possa anche togliere. Ovviamente per pulire negli spazi interdentali, anzichè il filo, dovrà usare lo scovolino. Tutto qui.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Dario Spinelli
36% attività
16% attualità
16% socialità
SANTERAMO IN COLLE (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La scelta della contenzione a fine trattamento dipende molto dalla situazione di partenza e da altri fattori che si valutano caso per caso, quindi la scelta è assolutamente subordinata alla valutazione clinica del paziente, senza la quale non si può dire se esistono alternative. Comunque può stare tranquilla perchè si tratta di una forma di contenzione molto diffusa e ben accettata (quando viene realizzata e non quando viene proposta perchè al primo impatto desta spesso, come nel suo caso, molte perplessità)
Per quanto riguarda l'igiene viene normalmente effettuata aggiungendo allo spazzolino un filo interdentale particolare, denominato superfloss, che permette di passare sotto il filo di bloccaggio.
Durante il trattamento ortodontico solitamente io consiglio uno spazzolino apposito (detto "ortodontico") in vendita in farmacia o uno spazzolino elettrico, a seconda della capacità manuale del paziente