Utente 352XXX
Salve mi chiamo Giovanni, ho da poco subito un intervento chirurgico,con la tecnica delle microfratture di Steadman, per una lesione condrale del condilo femorale mediale. Mi é stato prescritto un periodo di 21 gg nel quale camminare solo con l'ausilio di bastoni canadesi evitando di caricare la gamba dx, quella operata. In questo stesso periodo, nonostante in alcuni protocolli riabilitativi sia consigliata, non mi é stato detto di iniziare la fisioterapia ma di aspettare il primo controllo ad un mese dall'operazione, per sapere prima se la cartilagine cicatriziale si é formata o meno.Io ho 22 anni e nonostante il peso molto eccessivo, faccio regolarmente attività fisica circa 3 volte a settimana. Vorrei un parere sul tipo di intervento e sulle probabilitá di quest'ultimo di risolvere definitivamente il problema e un consiglio sul tipo di fisioterapia e riabilitazione da affrontare e i tempi di recupero medi. Grazie in anticipo.
[#1] dopo  
Dr.ssa Simona Rossetti
24% attività
4% attualità
0% socialità
SAN SALVO (CH)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2014
Buongiorno, sicuramente il tipo di intervento a cui è stato sottoposto ha utilità in determinati tipi di lesione cartilaginea, con prognosi che dipende dall'entità di quest'ultima (LARGHEZZA E PROFONDITA'), ma fondamentale è il carico che vi grava sopra, quindi sicuramente un calo ponderale è la prima cosa che le consiglio di fare, e nell'attesa di effettuare la prima visita di controllo, a meno che non controindicato dal suo chirurgo, può essere utile effettuare della ginnastica isometrica autonoma in modo da non perdere il tono del muscolo quadricipite.
Cordiali saluti