Utente 352XXX
Buongiorno dottore avrei bisogno dei chiarimenti a riguardo la mia diagnosi non mi so spiegare il perché mi è venuto questo dolore al polpaccio destro superiore mi ha visitato il medico in ambulatorio mi ha scritto : paziente inviato dal ps per valutazione angiologica in algie agli arti inferiori durante la deambulazione . Riferito quadro algico alla sura bilateralmente , dx < sz. Al controllo estemporaneo mediante ecocolordoppler si rileva buona pervieta' deli assi poplitei con leggera riduzione del flusso alla flessione della gamba sulla coscia di 45 *(gradi ) specie a dx

Si consiglia Angiò rm per ulteriore valutazione per eventuale sindrome da edrapment della a. Poplitea

domanda : ho 29 anni peso 97 kg e sono alto 173
Non ho fatto sforzi non faccio sport faccio più vita assendentaria sono pigro e faccio l'impiegato e mi porta a stare tanto seduto da 2 anni che faccio questo mestiere

Conclusione della domanda : come si può dare una spiegazione del fatto che soffro di questa patologia ricordando che devo effettuare la risonanza magnetica che lo avrò a settembre mi devo preoccupare. ? E' curabile. ? Premetto che il dolore lo iniziato a sentire al polpaccio dx una settimana fa .Non ho trascurato il problema E NON LO considerato come semplice crampo quale può essere la causa del mio male ? Nelle peggiori delle ipotesi sono guaribile e grave ? Vi ringrazio anticipatamente spero di ricevere un vostro aiuto in merito.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la condizione che descrive è conseguenza dell'anomala compressione dell'arteria poplitea da parte di strutture muscolotendinee.
Il trattamento può prevedere diverse possibilità: semplice correzione di difetti di postura, abbandono di attività sportive particolari, "sbrigliamento" del tronco arterioso dalle strutture muscolari circostanti, interventi di rivascolarizzaione (innesto protesico) nei casi più gravi e con diagnosi tardiva, nei quali si sia prodotta una trombosi definitiva del vaso.
Qualora la diagnosi venisse confermata è opportuna una valutazione in ambiente chirurgico vascolare.
[#2] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio nuovamente per il suo prezioso contributo aspetterò di fare la risonanza a settembre per poi valutare con il medico chirurgo vascolare cordialmente le auguri buona giornata