Utente 352XXX
Buon giorno sono un ragazzo di 24 anni,soffrivo di una lieve fimosi che mi recava disturbo durante i rapporti sessuali ed ho deciso sotto consiglio di un urologo di sottopormi ad un intervento di circoncisione.L'intervento è andato abbastanza bene anche se sono rimaste delle cicatrici molto visibili ma non me ne curo fin quando non daranno problemi funzionali.Il problema che ho riscontrato è che i tempi dei rapporti si sono ridotti drasticamente,riesco a raggiungere l'orgasmo anche con rapporti orali cosa che prima non capitava mai,sono andato da un andrologo e gli ho spiegato che prima della circoncisione il glande era fortemente sensibile,direi troppo e questo mi impediva di raggiungere l'orgasmo in tempi brevi per quel "fastidio" di fondo durante il rapporto,ora il mio problema è completamente l'opposto.Il Dottore mi ha consigliato di aspettare ancora qualche mese per dare tempo alla membrana del glande di inspessirsi e in extrema ratio procedere con una neurotomia glandulare dopo aver fatto qualche prova e analisi in più..volevo chiedere quanto questa operazione è rischiosa e quanto può desensibilizzare il glande perché ovviamente il medico mi ha spiegato brevemente che c'è il rischio di ottenere l'opposto e quindi avere problemi di disfunzione erettile...mi chiedo se è possibile "inibire" un numero di nervi inferiore o superiore per raggiungere un grado non troppo desensibilizzante..spero di essere stato chiaro,vi ringrazio in anticipo per le risposte,sono molto utili a noi utenti per avere un consulto in più rispetto alla sola visita e ci danno informazioni che noi maschietti italiani purtroppo di cultura non abbiamo mai avuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

vedo che le informazioni che ha, ricevute dal suo andrologo, sono corrette e precise; poco possiamo aggiungere a tutte le considerazioni e ai possibili problemi post-chirurgici che lei ha mostrato già di conoscere.

Ora stia tranquillo e speriamo che l'attesa, prospettata sempre dal suo andrologo di fiducia, di qualche mese dia "tempo alla membrana del glande di ispessirsi".

Ci riaggiorni comunque se lo desidera.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,personalmente ritengo la neurotomia grandulare inutile...Non specifica da quanto tempo abbia eseguito l'intervento di circoncisione.Comunque,in attesa di eventi,sentirei un ulteriore parere.Cordialità.
[#3] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Grazie delle risposte fulminee!..aspetterò come d'accordo con l'andrologo..in caso la neurotomia interessa anche i fasci nervosi della "corona del glande" (che risente di maggiore sensibilità) o solo il solco balano prepuziale?Le sensazioni sono quindi affievolite solo in una zona del glande o in maniera più uniforme?..vi ringrazio ancora delle risposte spero di risolvere questo disagio che prima della circoncisione non avevo mai avuto!P.s.Dottor Izzo perché inutile e perché non specifica?
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...la mia,e non solo,lunga esperienza mi ha convinto dell'inutilità di tale tecnica chirurgica.Cordialità.
[#5] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio Dottor Izzo,per la sua schiettezza,farò altre visite da altri medici per avere una visione più globale della situazione.La neurotomia sembra essere una sorta di operazione a caso,spinta quasi dalla fortuna..ma le mie domande sono..il rischio qual'è?c'è qualche minima % di riuscita,cioè qualcuno esce dall'ep con l'aiuto di questo intervento?Anche la corona del glande viene desensibilizzata?..questa operazione ha pubblicità su internet ma non ci sono articoli scientifici o ricerche che ne attestano l'efficacia o l'inefficacia,numeri statistici totalmente assenti..capirete bene che si vuol provare tutto pur di non essere schiavi della pasticca o dello psicofarmaco a 24 anni poi...noi utenti cerchiamo di farci strada tra i medici che non credono in questa tecnica,chi ci crede e chi purtroppo ci lucra.Sto finendo la specialistica in psicologia,vado in analisi da anni,le mie non sono domande spinte dall'ansia ma dalla mera volontà di avere una conoscenza vasta della situazione per poter scegliere e spero che almeno questo tag possa essere d'aiuto per i lettori che googlano e cercano delle risposte da confrontare con i medici in carne ed ossa..spero che i Dottori possano rispondere con chiarezza a queste domande perché noi utenti possiamo avere la certezza che sono risposte superpartes..
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

nessuna linea guida sull'argomento indica questa procedura come consigliata; questo forse le dice qualcosa.

Ancora un cordiale saluto.
[#7] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Nemmeno il laser per la cura dell'acne è consigliato ma ha risolto il problema di mia sorella..le hanno detto i pro (eliminazione delle riserve sebacee ecc) e i contro (costi assurdi,rischio macchie se si prende il sole e possibile non efficacia della cura) il paziente calcola pro e contro cio che potrebbe guadagnare e cio che potrebbe perdere e decide se tentare la fortuna o meno..a volte nella medicina c'è anche quella!Cmq grazie tante lo stesso,forse è necessario un medico in carne ed ossa da poter rimbambire di domande per valutare le possibilità reali..un saluto.Se farò mai questo intervento vi farò sapere com'è andato cosi un po di utenti ansiosi si metteranno l'anima in pace,nel bene o nel male!
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, il suo mi sembra un atteggiamento consapevole; stia sempre comunque molto attento a chi si affida per questo tipo di manovre chirurgiche non da tutti condivise.

Ancora un cordiale saluto.