Utente 353XXX
Gentili Medici,

in che modo è possibile definire con certezza la classificazione di un soggetto tra i NON RESPONDER alla vaccinazione contro l'epatite B?

Nel mio caso sono stato sottoposto, oltre che alla vaccinazione obbligatoria infantile in tre dosi (anni 1997-97-98), ad un'ulteriore vaccinazione di una sola dose nel 2008 (vaccinazione fatta dall'infermeria militare in quanto appartenente a FF.OO.) con "HBVAXPRO 10ug/ml", ma a tutt'oggi le mie ultimissime analisi "S-anticorpi anti HBsAg" riportano valore pari a 0,00.
A seguito di un colloquio presso l'ASL di competenza territoriale mi è stato detto che: "il protocollo sanitario, dopo la quarta vaccinazione, non prevede ulteriori cicli di vaccinazione, né tantomeno approfondimenti medici che riguardino l'ASL".

La dose di vaccino che mi è stata iniettata nel 2008 si sarebbe dovuta ripetere con altre sedute o è giusto che sia rimasta unica?

Chi può eventualmente decidere se è il caso o meno di ripetere il ciclo vaccinale?

Esiste un ulteriore esame, oltre quello della misurazione degli anticorpi presenti, che possa aiutarmi a stabilire se appartengo o meno alla categoria dei non-responder?

Ed infine, essendo un lavoratore a rischio di contagio, cosa dovrei fare qualora risultasse impossibile la mia vaccinazione contro tale virus?

per completezza riporto brevemente in ordine storico alcuni dati:
- anni 1997-97-98: ciclo di vaccinazione di base.
- esito esami anno 2006: HBsAb TOTALI = negativo
- anno 2008: 1 dose di HBVAXPRO 10ug/m
- esito esami anno 2011: S-anticorpi anti HBsAb = 0 e S-antigene HBsAg = negativa
- esito esami anno 2013: HBsAb (anti-s) = 0,25
- esito esami anno 2014: S-anticorpi anti HBsAg = 0,00.

Vi ringrazio per la risposta.

Cordialmente,
Marco. F.
[#1] dopo  
Dr. Michele Piccolo
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORRE ANNUNZIATA (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
gentile utente leggendo la descrizione da lei fatta dei valori riportati nei vari referti penso sia utile fare un pò d'ordine, chiarendo dapprima il significato di due sigle HBsAg è l'antigene di superfice del virus dell'epatite B. La sua presenza nel sangue indica la presenza del virus ( presenza del virus =infezione) non c'entra niente con la vaccinazione. HBsAb sono gli anticorpi contro il virus dell'epatite B iniziano a formarsi dopo circa 4 setttimane dalla vaccinazione. La presenza di tali anticorpi in seguito a vaccinazione è segno che la persona ha risposto al vaccino. Consapevole dall'esiguità della risposta, spero di aver dato un contributo alle risposte che cercava. cordialità
[#2] dopo  
Utente 353XXX

Iscritto dal 2014
Gentile Dr. Piccolo,
La ringrazio intanto a prescindere per la Sua cordiale risposta.

Se quindi "S-anticorpi anti HBsAg" prescrittami dal mio medico qualche giorno fa NON dovesse essere l'esame idoneo da fare, lo farò verificare per una eventuale ripetizione.

Spero comunque che qualche altro dottore specialista possa aiutarmi a chiarire quello che era il mio quesito originario.

Cordialmente,
Marco F.