Utente 187XXX
Salve vorrei chiedere un'informazione.. Ho letto in un'articolo di un medico che avere la pressione minima bassa con un divario importante da quella massima potrebbe essere sintomo di arterosclerosi.. E mi sono un pò preoccupato perchè la mia pressione varia sempre tra questi valori : 131-60, 118-61, 107-58, 113-64 ecc.. Insomma.. Ho la massima che può arrivare ai 130-135 massimo , mentre la minima non supera MAI i 65... Ed inoltre ho sempre i battiti abbastanza bassi, variando tra i 55 e i 65.. Dovrei preoccuparmi oppure come ho letto in altri articoli la mia pressione può essere considerata addirittura ottimale e auspicabile per tutti ? Grazie..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei ha valori di frequenza e di pressione assolutamente normali.
Butti via l apparecchio della pressione, o meglio lo regalia chi ne ha realmente bisogno
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio Dottor Cecchini.. E mi scuso se le faccio ancora domande ma non sto passando un bel periodo.. E' da un mese ormai che mi sveglio durante la notte e mi viene la tachicardia, quasi ogni notte.. Le ultime 5 notti sempre.. Di giorno sto bene ma di notte non riesco più a dormire bene.. E dopo la tachicardia avverto altri sintomi come bruciore di stomaco, gonfiore addominale e meteorismo.. Ora.. Io sono sicuro che tutto ciò sia ancora derivato dall'ansia che non ho ancora risolto.. Ma le vorrei fare un'altra domanda.. A distanza di due anni dagli esami che ho fatto (ecg, ecodoppler e holter 24 h di cui le ho esposto i risultati negativi nei miei precedenti consulti a parte il lieve prolasso della valvola mitrale) posso esserne certo che sia ancora ansia o dovrei rifare gli esami? (3 anni fa feci anche l'esame della tiroide assolutamente nella norma) Grazie per la pazienza infinita.. (Le dico anche che sto affrontando una nuova psicoterapia più mirata per affrontare il mio problema, ma ho fatto solo 3 sedute per adesso)
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
È possibile che lei abbia problemi gastroesofagei che le inneschino banali disturbi del ritmo
Eventualmente programmi un holter cardiaco
Arrivederci
[#4] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
Oppure è più probabile che la mia ipocondria verso il cuore mi faccia sentire questi sintomi.. Due anni fa avevo paura delle extrasistoli.. E puntualmente mi venivano ogni giorno.. Oggi ho paura della tachicardia (di cui il primo episodio è avvenuto la notte) e puntualmente quasi ogni notte mi si ripresenta.. Con questo non voglio farmi le diagnosi da solo, non fraintenda dottore.. E' che ho paura che se rifaccio l'holter poi non mi viene la tachicardia.. Perchè ricordo quando l'ho fatto 2 anni fa, la cardiologa mi disse di cercare di farmi venire le extrasistoli per scoprirle nel risultato dell'holter.. Ma puntualmente quando l'ho fatto non ne ho avvertita neanche una nonostante abbia fatto anche una corsetta di un ora abbondante.. E nel risultato c'era solamente "1 battito ectopico sopraventricolare" che non ho neanche sentito tra l'altro.. Se devo rifare l'holter e so che devo avere la tachicardia, sono strasicuro che non mi viene.. Sembra assurdo ma è cosi, perchè forse mi sento più sicuro con un "supporto medico" attaccato al corpo e sto tranquillo.. Comunque sia, se avessi dei problemi gastroesofagei come lei ipotizza, con "banali" intende che non sono nulla di grave?
Grazie nuovamente per la disponibilità e cordialità !
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
ascolti lei e' molto ansioso e conviene che programmi una terapia apposita con uno specialista.
Nessuna aritmia e' stata rilevata all holter che ha eseguito.
Qualunque cosa io le dicessi non sarebbe sufficiente per tranquillizzarla.
lei ha bisogno di un supporto psicologico/psichaitrico e non cardiologico
Arrivederci
[#6] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio.. La sto programmando con questo nuovo psicoterapeuta che utilizza il biofeedback, abbiamo iniziato questa tecnica solo la scorsa seduta e domani vedremo i risultati insieme e inizieremo a lavorare seriamente per risolvere i miei problemi, spero che andrà a buon fine! Anche perchè non vorrei più togliere spazio a chi è realmente malato.. Grazie