Utente 245XXX
Il 2/01/2012 ho subito un intervento per sostituzione aorta ascendente e valvola tricuspide con valvola meccanica (intervento Bentall 25). A distanza di 2 anni sono comparsi dolori al braccio sinistro con aumento del CPK. Le statine per il colesterolo sono state sostituite dal Liposcudil plus e il CPK si è stabilizzto tra 350-450. Ho fatto una R.M. con il seguente referto:
-Alterazione di segnale nel tratto interstiziale del tendine del sovraspinoso in rapporto a lesione.
-Segni di tendinosi del sottoscapolare
-Nei limiti il tendine dell'infraspinoso
-Ampia bursite subacromiom-deltoidea e sottoscapolare-sottocoracoidea
-Tenosinovite del CLB che è in sede
-Non evidenti lesioni capsulo-labrali
-Discreto versamento articolare scapolo-omerale
-Ipertrofia degenerativa dell'articolazioneacromion-claveare con riduzione del piano di scorrimento subacromiale.
Capisco che la domanda dovrei rivolgerla a Neurologia-Neurochirurgia. Ma la mia domanda è questa:
Siccome non posso prendere antinfiammatori che contrastano l'effetto del coumadin (assumo anche: bisoprololo, ramipril, oncocarbide, cardirene, ezetrol, pantorazolo e liposcudil plus per un totale di 10 pastiglie giornaliere!), mi è stato proposto di sottopormi a trattamento di TECARTERAPIA. La D.ssa che dovrebbe eseguire la cura mi ha richiesto la risonanza e il consulto cardiologico per essere sicura che questa terapia non interferisca in alcun modo con il normale funzionamento della mia valvola meccanica.
Per cui vorrei essere sicuro anch'io che non ci sono controindicazioni a questo metodo anti dolore. Oppure: ci sono altri rimedi?
Ringrazio anticipatamente e colgo l'occasione per sottolineare la grande utilità dei vostri consulti e la vostra encomiabile disponibilità e gentilezza. P.R.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Credo che la cosa migliore da fare sia rivolgersi ad un ortopedico all'altezza della situazione per decidere se ilproblema debba essere affrontato o meno in maniera chirurgica. Se non c'èindicazione ad intervenire potrà valutare terapia alternative antalgiche compresa quella della quale parla (che però personalmente non conosco).
Cordialmente