Utente 351XXX
Buongiorno dottore,
ho eseguito tutti gli accertamenti per la presenza di frequenti estrasistoli ventricolari dal tratto d'efflusso destro. Ecografia negativa, test da sforzo negativo, completa soppressione dei BEV con l incremento cronotopo. L holter delle 24h ha dato 5500 BEV, extrasistolia monofora e tardiva. Gli ECG eseguiti hanno sempre riscontrato frequenti complessi ventricolari prematuri, tranne l ultimo ecg eseguito che aggiunge possibili complessi prematuri atriali con conduzione aberrante. Cosa significa quest'ultimo?
L aritmologo ha detto che sono extrasistole begnine. Non mi da nessun farmaco perchè dice che hanno molti effetti collaterali. E il rischio aritmico è basso.
Conclude dicendo che in caso di persistenza della sintomatologia consiglia di ripetere tutti gli esami, eco, holter-ecg e test da sforzo.
La mia domanda è: se queste extrasistole sono begnine nel mio cuore che è sano, perché dovrei ripetere gli esami diagnostici?
Un ultima cosa. In questi giorni prima di andare a dormire prendo il magnesio supremo. Da quando l ho preso non ho più sentito i battiti, tranne pochi la sera prima di riprendere il magnesio. Rispetto a prima, che i bev perduravano dalla mattina alla sera e di notte, adesso sto molto meglio.
Allora la causa può essere solamente una mancanza eccessiva di questo minerale nel corpo?
In attesa, ringrazio.
Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il magnesio e' magnesio....non esiste un magnesio supremo ed uno scadente.
Se lei fosse carente di questo minerale dovrebbe risultare dal dosaggio ematico di questo elettrolita.
Quindi se la sua magnesemia fosse normale , non vedo l'utilita' di aumnentare l 'introduzione di tale sostanza
L'assunzione di ulteriore quantita' di magnesio pare avere tuttavia un effetto stabilizzante delle membrane cellulari e quindi anche di quelle cardiache.
Se , come lei scrive , le extrasistoli scompaiono con lo sforzo questo e' da considerqarsi un fatto positivo.
Piccole dosi di beta bloccanti, tuttavia, potrebbero esserle di grande aiuto.
Ne parli con il suo cardiologo
Arrivederci
[#2] dopo  


dal 2014
Grazie per la sua risposta.
No, infatti da come ho potuto constatare dagli esami del sangue già effettuati non ho carenza di questo minerale. Poi stanotte non sono riuscita a dormire.
Ho avuto la tachicardia accompagnata da queste extrasistole. Per cui il magnesio magari aiuta ma non risolve la cosa. Dovevo alzarmi presto la mattina alle 5 per andare a lavoro, allora ho preso delle gocce di lexotan per riuscire a dormire. Ma non è servito.
Ne ho già parlato con il cardiologo. Ma ha deciso di non prescrivermi nessuna terapia farmacologica perché dannosa.
Pensa che se avrò ancora questo problema divrò rifare gli esami e rivolgermi ancora dal cardiologo?
Ringrazio.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Penso come le ho detto che una piccola dose. Di beta bloccante potrebbe esserle di aiuto.
Ne parli con il suo cardiologo
Arrivederci