Utente 351XXX
Buongiorno, vorrei sottoporre il mio caso. Ho sempre sofferto di mal di schiena soprattutto nella regione lombare, ora circa 10 gg fa sono andata da un ortopedico il quale ha visionato le lastre fatte a febbraio 2014 e ha notato una riduzione discale dello spazio L5-S1 per "aiutarmi" ha effettuato una manipolazione ruotando - da straiata - la schiena prima dal lato sx e poi dal dx (con una mano ha cinto la vita e con l'altra spinto il bacino in posizione contraria). Premesso che non so se mi son ben spiegata la morale è da dopo questa manovra io accuso dolori molto forti soprattutto nella zona lombare (sia da coricata che che camminando), mi scricchiola un'anca (premesso da bambina ho avuto la lussazione di entrambe le anche, poi più o meno risolta) e ho dolori anche nella zona alta della schiena. Abbastanza spaventata da tutto ciò ho rifatto le lastre da cui risulta:
"scoliosi ad esse italica dorsolombare del rachide dorsolombare con curva destroconvessa al passaggio dorsolombare e rotazione consensuale dei metameri lombari. Altezza dei corpi vertebrali conservata. spondilosi. Riduzione d'ampiezza dello spazio discale L5-S1".
Cosa devo fare adesso per farmi passare questo dolore che prima non avevo così forte? può essere che questo ortopedico mi abbia dato del danno con la sua manipolazione?
Ringrazio e porgo cordiali saluti.
Raffaella

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Konstantinos Martikos
28% attività
16% attualità
12% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Il referto delle sue radiografie, in sintesi, descrive una situazione di scoliosi, spondilosi e discopatia degenerativa L5-S1.
La scoliosi, quando di entità importante, può essere causa di dolore.
Per spondilosi s’intende l'insieme degli aspetti degenerativi della sua colonna vertebrale, generalmente frequente nella popolazioni adulta.
Infine, la riduzione dello spazio L5-S1 indica la presenza di una degenerazione del disco intervertebrale in questione che può essere la causa della sua lombalgia cronica.
Si tratta di alterazioni che generalmente si appalesano nel corso degli anni e non sono dovute a singoli episodi di manipolazioni o trazioni.
A mio avviso è necessaria una valutazione specialistica ortopedica, preferibilmente da parte di un ortopedico con esperienza sul campo delle patologie vertebrali, per un accurato esame obiettivo, per determinare l'entità delle suddette alterazioni, per decidere eventuali ulteriori esami complementari e per impostare un adeguato programma terapeutico.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2014
Gentile Dott. Martikos,
La ringrazio molto per la cortese e chiara risposta.
Cordiali saluti.