Utente 354XXX
Gentili Dottori,

sono un ragazzo di 29 anni. Il mio problema credo sia un insieme di fattori diversi che insieme mi portano a vivere i rapporti sessuali come un "impegno" più che come un piacere disinvolto. Sarò schematico per non rubarvi troppo tempo:

- per raggiungere un orgasmo durante il rapporto di coppia ci vogliono anche 1 o 2 ore. Durante tutto questo tempo l'erezione è costante. Spesso il mio partner non regge a questi ritmi e lo capisco.

- forse è sbagliato farlo, ma confrontando la mia eiaculazione con quella del mio partner vedo (e mi avvilisce) che è scarsa, senza il minimo getto e densa. Questa condizione non mi rende soddisfatto a fine rapporto. Il fatto è che non ricordo se in tempi addietro la mia eiaculazione fosse diversa da oggi.

- la produzione di sperma mi pare molto lenta. Sono ancora giovane, ma difficilmente riesco ad avere due rapporti nello stesso giorno perchè al secondo tentativo lo sperma è praticamene assente. Il giorno dopo è comumque scarso.

Spero possiate darmi utili delucidazioni perchè il problema sta complicando la relazione a cui tengo molto e sta minando la mia autostima. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'orgasmo e l'eiaculazione sono due fenomeni in genere coincidenti.L'eiaculazione ritardata può essere dovuta a fenomeni congestizio/infiammatori delle ghiandole seminali,all'uso di farmaci,a malformazioni etc.,quindi,prima di fasciarsi la testa,é necessario che venga posta una rigorosa diagnosi andrologica,basata sull'esame obiettivo generale e genitale,su indagini ecografiche delle vie seminali,dei testicoli e della prostata,sui dosaggi ormonali ed,infine,sulla valutazione del quadro seminale.Ripetere il rapporto nella stessa giornata non é previsto da alcun manuale di fisiologia dell'apparato genitale ... Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

nei rapporti omosessuali possono interferire molti elementi che dovrebbero essere indagati.
Una accurata valutazione prostatica, la valutazione se la tempistica per l'orgasmo sia analoga con la masturbazione o stimolazione manuale del partner.
e parli con un anderologo
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per le vostre risposte. Ho capito che devo rivolgermi ad un andrologo quanto prima.
Vorrei chiedervi anche se le vostre diagnosi possono coincidere anche con la mancanza di erezioni spontanee e mattutine.
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...le erezioni spontanee,diurne o notturne,non hanno alcun valore prognostico e diagnostico,nel suo caso.Cordialità.
[#5] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Gentili dottori,

ho eseguito una visita andrologica dalla quale è emerso che prostata, vascolarizzazione del pene, testicoli sono regolari. Inoltre i valori di testosterone totale e prolattina risultano nella norma. L'andrologo mi ha indirizzato verso la psicoterapia che sicuramente affronterò, ma mi risulta ancora strano il fatto che ci possa essere solo una causa psicologica alla base. Da luglio ad oggi ai problemi sopra descritti si è aggiunto un calo notevole della libido a tal punto da risultarmi difficile anche la masturbazione che, anche quando mi riesce, avviene con una semi erezione e con eiaculazioni scarse. In poche parole mi risulta insoddisfacente anche il sesso da solo. Se a vostro avviso l'unica strada affrontabile è quella suggerita dal medico che mi ha visitato, "mi metto l'anima in pace", ma non riesco ad accettare l'idea di avere una vita sessuale di questo tipo alla mia età. In questo momento mi sento come asessuato.