Utente 763XXX
Un saluto ai Medici che leggeranno il mio post.
Nel 2000 sono stato sottoposto ad un trattamento della malocclusione. Da RMN risultava avessi una sub-lussazione monolaterale dell'Atm con situazione di normalità e collocazione in sede dei condili ad apertura della bocca.
Avevo sintomi come tensione ai muscoli facciali, vertigini,mal di schiena.
Il trattamento è consistito in utilizzo placca di svincolo per qualche mese e molaggi selettivi per riportarmi in centrica.
Nel 2003 non soddisfatto dei risultati, le ancora presenti vertigini, tensione residua muscoli facciali ho deciso di intraprendere altra terapia con un ortognatodonzista.
Ha detto che la situazione occlusale era buona, non necessitavo di trattamento ortodontico e che il tutto era ricollegabile al sistema nervoso centrale, quindi ad una situazione di stress; anche i vari rumori e scroscii dell'Atm non erano a suo giudizio da trattare data la mancanza di dolori.
Vorrei chiederVi se è vero che i rumori dell'Atm se non causano dolori non necessitano di trattamento e se i molaggi selettivi che ho subito sono una pratica sbagliata, dato che si va a diminuire la dimensione verticale.
Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Il problema è sapere se i sintomi da Lei riferiti "Avevo sintomi come tensione ai muscoli facciali, vertigini,mal di schiena." Erano dovuti a problemi odontoiatrici. Mi pare di capire che tensione ai muscoli facciali e mal di schiena sono scomparsi (rimangono vertigini) e quindi ha avuto miglioramenti. Sarebbe interessante stabilire se vi è ancora un nesso di causalità. Legga http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42472
Saluti
Daniele Tonlorenzi
[#2] dopo  
Dr. Emilio Nuzzolese
32% attività
4% attualità
12% socialità
MATERA (MT)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2004
Personalmente ritengo le informazione ricevuto non sufficienti per un inquadramento del caso specifico.

Posso solo dire il mio punto di vista in generale su casi simili. Il mio approccio a disturbi delle articolazioni temporo mandibolari è di tipo sintomatico.
Rumori articolari privi di sintomatologia algica e in presenza di un'occlusione regolare non vengono trattati nel mio ambulatorio.

La saluto cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Il molaggio selettivo NON altera la dimensione verticale!!

Tutti i maggiori "luminari" della moderna gnatologia concordano (e la cosa è molto difficile) nel non trattare i click articolari asintomatici, ma nel limitarsi ad un controllo periodico.

A presto
[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Il vero problema è sapere quanti e quali sintomi possono esswere riferibili al disturbo dell'ATM. Ad es la tensione dei muscoli facciali........ Come i colleghi sanno la sensibilità della faccia fa capo al nervo trigemino, come i dolori da disturbi temporo-mandibolari. Il problema è che:
1) non è possibile fare diagnosi a distanza;
2) è difficile dire se un sintomo è direttamente collegabile a malocclusione; in questo l'indagine su pedana è di aiuto. Se fosse presente alterazione posturale su pedana prima e riduzione di questa dopo la diagnosi potrebbe essere fatta, mancando quella è difficile dire che la sintomatologia è o meno riferibile. Però la sensibilità della faccia è di pertinenza del trigemino e la sintomatologia dopo trattamento si è ridotta........ Per approfondimenti http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42472
Saluti
Daniele Tonlorenzi
[#5] dopo  
Dr. Dario Spinelli
36% attività
16% attualità
16% socialità
SANTERAMO IN COLLE (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Il collega ortodontista che l'ha visitata ha stabilito che la situazione articolare è asintomatica. In tal caso, con i soli rumori, non deve essere trattata.
Dato che solo il collega ha avuto la possibilità di visitarla dobbiamo attenerci a quello che le ha detto e, del resto, consideri che dicendole di non fare nulla sarebbe andato "contro" i suoi interessi ECONOMICI, quindi direi che è stato assolutamente corretto.
Nulla esclude che, qualora si dovessero prersentare altri sintomi, potrà intervenire