Utente 259XXX
Salve! Ho 26 anni e la mia pressione arteriosa è un po'' ballerina (me la misuro 4/5 volte l''anno tra donazioni di sangue e visita medica del lavoro): a volte me la trovano bassa, altre volte giusta, altre volta ancora altina, cioè sui 140/90 o poco più. Un episodio però mi ha preoccupato: due anni fa sono andato a donare il sangue e alla prima misurazione la dottoressa mi ha trovato la pressione molto alta (non mi ha detto quanto), poi me l'ha rimisurata ed è scesa a 160/100. Mi ha fatto donare il sangue e mi ha detto di ricontrollare la pressione.

Dopo un mesetto ho fatto una visita per l''idoneità alla Protezione Civile e quando la dottoressa mi ha misurato la pressione mi ha chiesto se ero consapevole di soffrire di pressione BASSA! Dopo qualche mese ho fatto la visita del lavoro e il medico mi ha detto che avevo una pressione ottimale. Dopo quelle volte la pressione mi è sempre stata trovata giusta o, al massimo, 140/90. L''ultima volta me l''hanno misurata un paio di mesi fa ed era 130/80.

Cosa può aver causato, due anni fa, un aumento così forte della pressione? Potrebbe essere dovuto a cause secondarie oppure, se così fosse, la pressione si sarebbe mantenuta sempre alta? Devo fare accertamenti?

Preciso che effettuo spesso gli esami del sangue essendo donatore. Due volte l''anno mi controllano anche gli indici di funzionalità renale. Ho fatto di recente ecg, ecg sotto sforzo ed holter cardiaco delle 24 ore. Una volta l''anno effettuo esame delle urine e poco dopo quell''episodio di pressione alta ho effettuato una ecografia completa dell''addome. Tutti questi esami sono sempre risultati perfetti. Inoltre so, avendo mia nonna ipertesa, che quando uno soffre di ipertensione si controlla anche il fondo dell''occhio, a me l''hanno controllato ad una visita oculistica ed era a posto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei presenta talora dei valori non ottimali ( dovrebbero essere inferiori a 125/75 mmHg).
Inizi a mangiare senza sale aggiunto, riduca il peso corporeo e cammini almeno un ora al giorno a passo svelto.
Stia lontano da fumo ed alcoolici.
Misuri la pressione più frequentemente è riporti i dati al suo curante
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Non fumo e sono astemio. Forse i miei problemi sono l'ansia, qualche chilo di troppo e il fatto che non ho un'ottima alimentazione. Lo sport lo faccio a periodi. Sicuramente mi impegnerò di più.

Vorrei solo chiederle se è plausibile alla mia età soffrire di ipertensione e se è preoccupante quel singolo (unico) episodio che le ho citato in cui mi hanno trovato la pressione molto alta. Altra cosa: so che i valori OTTIMALI sono inferiori a 125/75, ma di per sé 140/90 può considerarsi ipertensione o è un valore ancora entro i limiti?

Non so se può c'entrare qualcosa ma io ho sempre avuto dei battiti tendenzialmente alti, all'holter cardiaco mi hanno trovato una media di 91 battiti al minuto, ma il cardiologo non mi ha detto nulla.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se i valori di 140/90 fossero di frequente rilievo si parla già di ipertensione.
La frequenza media cosi elevata rafforza il mio consiglio di dedicarsi al cammino a passo scelto per un ora al di
Arrivederci
[#4] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Grazie infinite dottore per la sua pazienza e disponibilità! Devo dirle che io sono ipocondriaco, e da quella volta che mi hanno trovato uno sbalzo di pressione così alto (mi pare che alla prima misurazione la pressione minima era quasi a 120, poi è scesa a 100, e ripeto che è stato l'unico episodio di pressione così alta), mi sono fissato di avere una malattia che mi fa alzare la pressione (tipo il feocrocitoma), e la cosa non mi fa vivere molto bene.
Le faccio presente inoltre che fino a qualche anno fa soffrivo periodicamente di epistassi, ho collegato questo problema alla mia rinite allergica, all'uso a volte prolungato di spray nasali... ma non è che l'epistassi improvvisa possa aver avuto come causa sbalzi importanti di pressione?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi l epistassi non ha niente a che vedere con l ipertensione. L epistassi è sanguinamento di vasi venosi e l ipertensione è arteriosa.
Interrompa immediatamente l uso degli spray nasali, molto,probabilmente sono loro i responsabili sia dei suoi valori di frequenza che pressori.
Arrivederci
[#6] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Infatti ora gli spray nasali li uso in maniera più che moderata, avevo collegato che spesso l'epistassi avveniva dopo giorni di uso di questi dispositivi medici.

Il lieve aumento della mia pressione può starci quando è un periodo che conduco una vita sedentaria o che non mangio bene, tuttavia quella volta che mi hanno trovato la pressione così alta, nonostante fosse un periodo in cui effettivamente avevo messo su qualche chilo e non facevo movimento, mi sembra che il rialzo pressorio sia stato importante, o sbaglio? Merita, a suo parere, di essere approfondito con esami per scovare eventuali cause di ipertensione secondaria, come appunto il feocromocitoma?

Mi permetta una domanda che non riguarda la pressione (dato che siamo qui e lei si è dimostrato così disponibile): io sono andato dal cardiolo e ho fatto ecg, holter, ecg sotto sforzo ed esami per la funzionalità tiroidea a causa delle extrasistole che sento di avere. L'holter ne ha rilevate 3169 (sopraventricolari)... vanno trattate a suo parere? Il cardiologo dice che può essere un reflusso gastroesofageo (responsabile, a suo dire, anche dell'elevata frequenza cardiaca), ma io di questo reflusso ho sintomi minimi: a volte sento dolore toracico o senso di bruciore interno al torace, ma veramente molto molto raramente... può essere che abbia un reflusso quasi asintomatico che mi causa questi problemi? Inoltre a volte, quando sono sdraiato tranquillo sul divano o a letto, ho la percezione del mio battito cardiaco... posso stare tranquillo che non è nulla visti gli esami fatti?

Scusi per la miriade di domande ma vorrei questi chiarimenti per trovare un po' di tranquillità.
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei ha bisogno di una terapia per l ansia che traspare da come scrive. Il feocromocitoma ha altri sintomi ed altri valori pressori
Se nonostante il cammino quotidiano ed un calo ponderAle lei non raggiungesse valori pressori inferiori a 130/80 potrebbe essere indicata una terapia
Arrivederci
[#8] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Non posso che trovarmi d'accordo con lei.
Grazie ancora e cordiali saluti.
[#9] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Ah scusi dottore, un'ultima cosa: perché a volte, quando misuro la pressione a casa, la pressione minima a volte è alta (tipo 90/91) e quella massima è a posto? Può essere l'ansia? Questa cosa non mi è mai successa dal medico...
[#10] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La cosa migliore che può fare è programmare un holter pressorio( ABPM) il quale misurando circa 90 volte al giorno la pressione sia di giorno che di notte , potrà fornire più indicazioni al suo medico
Con questo la saluto
[#11] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Grazie ancora!