Utente 354XXX
salve,
un po di giorni fa ho scritto per una candida persistente, dalla risposta dello specialista e una ricerca su internet ho deciso di fare un test della glicemia.
appena sveglio 241.
DIOMIOO.
è vero che mio padre era diabetico, ma non ho mai avuto sintomi , solo all'inizio della mia candida , cioè 10 mesi fa, ho sofferto per una quindicina di giorni di sete e facevo spesso pipi anche più volte di notte, poi è passato tutto.
il mio medico di base non mi ha mai allarmato più di tanto, neanche quando gli ho comunicato di aver scoperto, da solo, la glicemia alta.
mi ha dato da fare gli esami della glicemia e la glicata e si è raccomandato che per un mese dovevo fare la stessa vita di sempre, non mettere e non eliminare nulla dalla mia diete, fino a quando non avremo rifatto gli esami, anche perché lui andava in ferie.
risposta degli esami: glicemia 180, glicata 10,6
continuare a mangiare normalmente??!!!!!!
tramite un amico medico sono subito riuscito a contattare un Vostro collega diabetologo.
mi ha consigliato la metformina 850 , mezza compressa 3 volte al giorno per una settimana e poi passare alla compressa intera, ovviamente mi ha detto che per il momento devo autocontrollare drasticamente la mia dieta.
è vero che sono sovrappeso ma peso 93 kg per 175 cm e ho solo 38anni.
sono spaventatissimo, non so come gestire il problema, è agosto ci sono pochi medici e la cosa che mi spaventa di più è che non presento nessuna sintomatologia.
la domanda che mi fa più pensare, premetto che lavoro in una farmacia ma non sono medico, da quanto ho questa patologia?
che danni mi ha potuto arrecare?
mio padre è morto a 65 anni di ictus, aveva un diabete sotto controllo e periodicamente monitorato da un centro specializzato, nessunaltra patologia.
in ospedale, non lo dimenticherò mai, quando domandavamo come mai fosse capitato ci risposero che la prima causa era stato il diabete" consuma lentamente" queste furono le parole esatte.
spero di non averVi angosciato, queste fondamentalmente sono le paure che mi passano per la mente.
non so cosa fare.
grazie di cuore.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

i valori rilevati al momento necessitano del supporto farmacologico.

In attesa che si rivolga in diretta al Centro diabetologico di zona Le consiglio di modificare anche il Suo regime alimentare (dieta ipocalorica-ipoglucidica) per favorire il calo ponderale ed una graduale riduzione del valore glicemico e dedicare alcune ore della settimana a qualche attività motoria.

Per ulteriori spunti di riflessione, La invito alla lettura del seguente articolo:

http://www.medicitalia.it/salute/diabete


Prego.