Utente 355XXX
Gentile dottore,
vorrei chiederle quale iter diagnostico sarebbe opportuno seguire in caso di dolore toracico che compare dopo uno sforzo. Il primo episodio è comparso durante l'adolescenza ed è aumentato tanto da costringermi a rinunciare all'attività sportiva. Sono vegana da molti anni, ho smesso di fumare ma sono diventata sedentaria a causa del dolore; quest'ultimo compare dopo uno sforzo e si diffonde alle braccia e al centro del petto e si accompagna a debolezza e senso di svenimento.
Ho eseguito una prova da sforzo su pedana che è stata interrotta per la comparsa del dolore senza alcuna modifica dell'ecg. Il cardiologo ha preferito eseguire un'ecocolordopplergrafia dopo prova farmacologica; anche in questo caso il dolore si è presentato senza alcuna alterazione, infatti, il medico ha rilevato solo qualche sporadica extrasistole. Le riporto in breve le conclusioni dell'esame: "assenza di modificazioni ecg o eco di parete. Test negativo per ischemia miocardica ad elevato carico". Il cardiologo vorrebbe evitare le radiazioni della scintigrafia data la negatività degli esami. Come si procede in questi casi? Esistono altri esami che non prevedono l'uso di radiazioni? La ringrazio.
Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il test da sforzo su pedana e l'eco stress sono risultati negativi e pertanto mi tranquillizzerei.
Una scintigrafia toglierebbe ogni dubbio e probabilmente sarebbe consigliabile.
Tuttavia deve essere il suo cardiologo a prescrivergliela , se ne verifichera' la necessita'.
Cordialita