Utente 348XXX
Buonasera vorrei esporre un io problema:è la seconda volta che mi capita,spesso dopo pranzato ho la frequenza piu accelerata 100 bm,e spesso me la controllo sempre per verificare che scenda,oggi all'improvviso,mi sono preoccupato della frequenza ed è cominciata a salire gradualmente,e l'ansia piu mi saliva,ad un certo punto in meno di 10 secondi ho misurato i battiti ed erano 160-165,erano velocissimi ma regolari e mi sono fatto prendere dal panico,e anche se provavo a tranquillizzarmi non scendevano e come se l'ansia avesse innescato tale frequenza,fino a quando dopo circa un minuto man mano mi rilasso e la frequenza ritorna a 100,ho effettuato varie indagini cardiologiche ECG,ecocardio incluso il test da sforzo dove non mostravano nulla,ho letto su internet di tachicardia catecolaminergica parossistica,secondi voi potrebbe trattarsi di ciò?o è solo ansia?grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non c'e' niente di peggio che andare a cercare diagnosi astruse su Internet.
La cosa piu' probabile e' che l'ansia lei giochi brutti scherzi.
PArli con il suo medico per verificare la opportunita' di effettuare un dosaggio degli ormoni tiroidei e di una terapia ansiolitica.
Stia lontano da caffeina, teina, energy drinks, cola ed ovviamente dal fumo
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la disponibilità,mi scusi se le faccio questa domanda,ma se può gentilmente spiegarmi perchè non potrebbe trattarsi di una tachicardia ventricolare catecolaminergica ne sarei molto grato,e riuscirei a stare tranquillo,purtroppo qualche mese fa ho letto di questo disturbo su internet e da quel momento ho paura di averlo anche io,non ho mai chiesto a un cardiologo se potrei avere tale disturbo,se gentilmente potrebbe darmi qualche delucidazione mi toglierebbe quetso dubbio,per quanto riguada gli esami tiroidei ho effettuato il dosaggio degli ormoni(ft3-4 e tsh) usciti nella norma,non fumo e bevo solo uno o due caffe al giorno,grazie mille ancora.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se lei avesse una tachicardia ventricolare sarebbe morto e dal momento che digita al computer suppongo che lei sia vivo.
La saluto.
[#4] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Capisco Dottore,forse però mi sono spiegato male,io ora non ho la tachicardia ,ma l'ho avuta ieri a 160-165 bm perciò mi chiedevo se si potrebbe trattare da una tachicardia ventricoalre catecolaminergica,dato che tutto è cominciato da un ansia che poi man mano mi ha fatto aumentare il battito in maniera vertiginosa e non scendeva piu anche se cercavo di tranquillizzarmi,poi man mano dopo qualche minuto è scesa.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Forse non mi sono spiegato
Se lei avesse avuto una tachicardia ventricolare ieri sarebbe morto
Dal momento che è vivo non ha avuto una tachicardia ventricolare
La saluto
[#6] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
mi scusi allora non avevo capito,seguirò il suo consiglio,prima prendevo delle goccie di Alprazolam,oggi ricontatterò il medico di base per rivaluitare la possibilità di riassumerle e mi rivolgerò ad uno psicoterapeuta..come ultima domanda le vorrei chiedere se è possibile raggiungere tali frequenze con ritmo sinusale(165 bm) con una crisi di ansia?
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Certo
[#8] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la disponibilità Buonagiornata.