Utente 688XXX
Gentile Medico, soffro da sempre di problemi allergologici a livello nasale e bronchiale, dovuti ad acari della polvere e al pelo di animale in particolare.
Ho notato pero una cosa strana: io abito all`estero da un paio di anni in una zona abbastanza montana rispetto alla mia origine (vicino al mare) e qui ho molti piu` problemi di naso chiuso e allergie (pruriti nasali e dermatologici - al viso sopratuttto)puo` dipende dall`altitudine cioe` diciamo cosi` dall`aria diversa della zona in cui vivo? Ero in Italia per 1 mese fino a una settimana fa e li stavo bene , rientrata ho ripreso ad avere i problemi sopra descritti.
Ringrazio per le gentili risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Indubbiamente nel Suo caso la componente climatico-ambientale ha la sua importanza, tuttavia consideri che, per il fenomeno della cross-interazione, senza un'intolleranza alimentare di base le allergie ambientali non si scatenano. Scusi, ma qui sarebbe poco agevole spiegarne il meccanismo fisiopatologico... In ogni caso, volendo risolvere il problema senza rimedi palliativi, eseguirei un test BIOSCREENIN del quale posso fornirle indicazioni in privato, per ragioni puramente deontologiche.
Se desidera può scrivermi a: cavaldoc@fastwebnet.it eLe risponderò subito.
A presto.
[#2] dopo  
Dr. Gianluca Capra
28% attività
8% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2004
Gentile Sig.ra,
sicuramente in considerazione della sintomatologia descritta, seppur in modo molto ridotta, sembra poter presupporre una partecipazione della componente climatica ambientale, la difficolta respiratoria nasale per quanto tempo persiste e se presente anche in posizione supina o su un lato in particolare? potrebbe esserci oltre ad una possibile allergia una eventuale deviazione del setto nasale o ipertrofia dei turbinati nasali, quindi come primo provvedimento potrebbero risultare utili lavaggi nasali con soluzione salina (che puo acquistare in farmacia) ed una valutazione dell'obbiettivita nasale e test allergometrici.
Cordiali saluti

G. Capra
[#3] dopo  
Utente 688XXX

Iscritto dal 2005
Gentilisismi Medici , Vi ringrazio per le risposte! Rispondo al Dott. Capra, in effetti questo problema persiste da anni non so dire quanti ma parecchi, a periodi sto molto meglio ma poi il probl. si ripresenta. E` anche vero che stando distesa a letto la cosa si accentua di molto, durante il giorno il nasoo si apre ma a letto , di notte, si richiude! nella maggiorparte delle volte si chiude solo da un lato, a volte alterna uno o l`altro anche in base al lato dove mi distendo.
Eseguiro` gli esami consigliatimi dal Dott. Cavallino ed altri se esistono, ma nel frattempo provero` questi lavaggi nasali, se non puo` dirmi una marca specifica potrebbe dirmi cosa devo dire al farmacista, oppure dicendo dei lavaggi con soluzione salina capiscono subito? Grazie. Vi ringrazio di cuore.
G. Carmen
[#4] dopo  
Dr. Gianluca Capra
28% attività
8% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2004
Chiedendo al farmacista i lavaggi nasali sicuramente sara in grado di darle il migliore.
Consiglio eventualmente se non ci fosse alcun miglioramento significativo, prima di passare ad altra terapia nasale una valutazione otorinolaringoiatrica per esculdere ipertrofia turbinati e deflessione settale.

cordiali saluti

G. Capra
[#5] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
P.S.- Unitamente ai lavaggi suggeriti dal Collega, integrerei un omeopatico:
* SANKOMBI SANUM - 2 GOCCE PER NARICE 2 VOLTE AL DI', PER 1 MESE.
Saluti.