Utente 279XXX
Salve.
Ho 41 anni, mai fumato, praticamente astemio, pratico biathlon facendo circa 7 ore/settimana di attività ( 2 ore bici, 5 ore podismo lunga distanza ). Vado in ufficio a piedi ( 30 minuti andata, 30 minuti ritorno ). Mangio pochissima carne ( 1 volta la settimana ), molta frutta, verdura, pesce, carne bianca. A causa di un sospetto attacco di pressione alta ( poi rientrato ed addebitato a "camice bianco" ) ho fatto una visita di controllo con ecocardiogramma ed eco addome completo da cui risulta tutto nella norma. Le analisi specifiche del sangue, però, hanno evidenziato valori di omocisteina ( mai valutata in precedenza ) elevati ( 27 su un range 5-15 ). Il colesterolo totale è 156, LDL 103, HDL 42. Le mie domande sono le seguenti:

1) apparentemente solo l'omocisteina è sballata: come è possibile dato che non avrei fattori di rischio ? Si deve pensare ad un fattore genetico ?

2) anche se fosse una cosa genetica, cosa si può fare per farla tornare a livelli normali ?

3) è una cosa molto preoccupante anche in considerazione degli altri valori ?

4) da Gennaio ad Aprile ho preso massicce dosi di Fostimon per un trattamento ICSI, può avere avuto un'influenza sull'aumento dell'omocisteina ?

A settembre avrò una visita da un ematologo.

Grazie mille per le risposte che vorrete darmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
L'iperomocisteinemia è considerata un fattore "minore" di rischio cardiovascolare, soprattutto in soggetti che non ne presentino altri quali fumo, dislipidemia, diabete, sovrappeso, ipertensione arteriosa, familiarità per infarto o ictus in età giovanile, eccetera.
Ne parli con il Suo medico, che probabilmente si limiterà a prescriverLe un supplemento di acido folico (vitamina del gruppo B), che in breve tempo potrà normalizzare il valore dell'omocisteinemia, meglio se accompagnato da uno screening sulla salute delle Sue arterie, ad esempio un test cardiovascolare da sforzo ed un ecocolordoppler dei tronchi epiaortici.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
Grazie mille dott. Fedi.
Ieri ho fatto un ecocolordoppler dei vasi del collo e tutto risultava a posto. Si riferiva a
questo esame quando parlava di tronchi epiaortici? Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Mi riferivo proprio a quello. A questo punto, non resta che chiedere al Suo medico se ritiene opportuno iniziare il trattamento con acido folico.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
Gent.mo dott. Fedi, la ringrazio ancora. Vorrei approfittare un'ultima volta della sua competenza, chiedendole se il valore alto di omocisteina può essere correlato al fatto che ho le piastrine ballerine sul valore minimo (oscillano fra 133 e 168), dato che ho letto che esiste una piastrinopenia da carenza di acido folico e vitamina B12 (proprio quelli che dovrei integrare anche per l'omocisteina).
Grazie mille ancora
[#5] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
In verità non mi risulta esistere una vera e propria correlazione fra piastrinopenia (che peraltro Lei non ha, trattandosi di valori ai limiti minimi della norma ma pur sempre considerabili normali) e carenza di acido folico (che peraltro a Lei non è stata diagnosticata).
In ogni caso, il trattamento con folati dovrebbe risolvere il problema.
Cordiali saluti