Utente 239XXX
Buongiorno,
mia madre (76 anni) circa 2 mesi fa ha avuto 2 fenomeni di diplopia a distanza ravvicinata tra loro. Oltre alla diplopia vedeva sfondi colorati. Il neurologo che l'ha visitata sospettando che si trattasse di un TIA (attacco ischemico transitorio) gli ha fatto fare la tac del cranio e l'ecodoppler carotideo che sono risultati entrambi negativi.
Ha fatto quindi una visita oculistica anch'essa risultata negativa. Quindi ha effettuato una visita cardiologica con elettrocardiogramma e anche questi sono risultati negativi.
Mia madre non soffre di diabete ne ha problemi di tiroide.
Desideravo quindi chiederle se ci sono settori che ancora non abbiamo indagato che è bene verificare per giungere ad una diagnosi certa circa la causa dei fenomeni di diplopia di cui sopra.
Gli esami fin qui svolti infatti non danno una diagnosi oggettiva, certa. Per cui non sappiamo con certezza, allo stato attuale, cosa abbia effettivamente causato la diplopia.
Dimenticavo, mia madre dal momento dei fenomeni di diplopia a tutt'oggi assume come terapia una cardio aspirina da 100 mg. al giorno dopo pranzo.

In attesa Suo gentile riscontro colgo l'occasione persalutarla cordialmente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi pare che alla Mamma siano stati effettuati i necessari esami diagnostici in relazione al sintomo riferito, anche le visita specialistiche mi sembrano congrue al problema.
Le vorrei solo ricordare che una TC cranio-encefalica negativa non esclude la diagnosi di TIA in quanto se l'ischemia è stata di breve durata e con localizzazione circoscritta può non lasciare traccia agli esami di neuroimaging (TC, RM).
Non sempre infatti è possibile effettuare una diagnosi "documentata" ma, a volte, quest'ultima è clinica, cioè in base alla visita e a ciò che raccontano il paziente e/o i suoi familiari.
Concordo pertanto riguardo la prescrizione della cardioaspirina.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
Grazie Dottore,

quindi anche lei propende per una causa di circolazione sanguigna mi sembra di capire.
In quest'ultimo caso la sola cardio aspiraina da 100 mg. una volta al die è sufficiente o andrebbe integrara con altri farmaci?
Desideravo inoltre chiederle: quali sono le abitudini e lo stile di vita da adottare in questi casi?

Grazie ancora per il suo prezioso aiuto.

Cordialità
[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Essendo negative le visite specialistiche effettuate, neurologica ed oculistica, e con esami strumentali nella norma, l'ipotesi del TIA sembrerebbe quella più probabile come Le ha già detto il neurologo.
La cardioaspirina è già sufficiente, alcuni colleghi optano anche per altre molecole, ma Le ripeto, va bene così.

E' importante mantenere sotto controllo pressione arteriosa, colesterolo, glicemia e trigliceridi, praticare, se possibile, attività fisica costante e una dieta equilibrata preferibilmente con pochi grassi animali e sale.

Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dottore,

grazie è stato chiarissimo.

Per quanto riguarda la pressione arteriosa da misurazioni sembra nella norma mia madre ha da sempre una pressione arteriosa nella norma.
Diverso il discorso per quanto riguarda colesterolo e trigliceridi. Da sempre mia madre ha valori alti superiori alla norma: esempio colesterolo 260 stesso dicasi per i trigliceridi. Questo deriva da un alimentazione non molto corretta e da una vita sedentaria.
Sinceramente, le dico, il medico mi ha consigliato di seguire una terapia con statine per ridurre il colesterolo. Io sinceramente sono un po restio in quanto perchè ho letto che comunque le statine hanno effetti secondari e a persone anziane sopra i 70 anni è preferibile non darle. In generale poi perchè penso che prima di prendere un medicinale bisogna ponderare molto bene circa il rapporto rischi-benefici per la salute.
Avevo piacere quindi di avere un suo parere anche su queto aspetto. Anche perchè un eventuale terapia con statine sarebbe per sempre da seguire.

La ringrazio ancora per la gentile pazienza ed il prezioso aiuto.

Cordialità
[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

esistono anche degli integratori che ha volte danno buoni risultati sul controllo della colesterolemia, ne parli con il medico curante.
Per i trigliceridi invece si possono utilizzare farmaci che non appartengono alle statine.

Cordialità