Utente 193XXX
Buona sera,
ho 36 anni e a seguito di una lesione al muscolo del polpaccio (gemello mediano) mi sono state prescritte per un mese punture di seleparina 0.6 ml e calza elastica per 30 gg oltre a riposo e a non caricare sulla gamba.
Nei giorni successivi sono andata dal medico di famiglia col referto del prontosoccorso e ho anche esposto un ulteriore problema piedi molto gonfi sempre (tutto il giorno già da quando mi alzo da circa 1 mese...) e mi ha prescritto Diuresix compresse 10 mg (NB anche mia madre e mia nonna soffrono di questo problema).
Ora leggendo tra le controindicazioni del farmaco (Diuresix) leggo: in rari casi può provocare disturbi circolatori, complicazioni tromboemboliche dovute a emoconcentrazione.
Questo mi ha un po' frenata dal momento che faccio le punture di seleparina.
volevo chiedere quindi conferma se i due farmaci sono compatibili o possono esserci dei problemi.
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
più che di incompatibilità si tratta di evitare di trattare un sintomo (edema) senza aver identificato la causa (eccesso ponderale, insufficienza venosa e/o linfatica, cardiopatie, ecc.), che potrebbe eventualmente richiedere trattamenti diversi.
Effettivamente l'uso indiscriminato di diuretici, soprattutto in determinate condizioni (patologie concomitanti, disidratazione, stagione calda, potrebbe esporre a complicazioni anche serie e andrebbe evitato in assenza di una reale necessità.
[#2] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio,
In effetti il mio BMI risulta 32.8, mia nonna era diabetica e cardiopatica.
Quindi mi consiglierebbe degli esami specifici? A che tipologia di medico specialista dovrei rivolgermi? La ringrazio anticipatamente
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Potrebbe essere indicata in prima istanza la valutazione di un Chirugo vascolare e successivamente, se necessario, di un Ematologo esperto problematiche coagulative.