Utente 345XXX
Nel corso di una visita specialistica,mi e' stata riscontrata un ernia inguinale che,secondo il gastroenterologo devo togliere.Percio' mi ha indirizzato
dal chirurgo che ritiene invece di dare la massima importanza alla diverticolite,
prima dell'ernia.Visti i due pareri discordi,mi sono rivolto ad uno specialista
di medicina interna che,a mio parere,ha una visione nell'insieme maggiore
rispetto al chirurgo o al gastroenerologo.Costui mi ha sconsigliato in
maniera perentoria di intervenire sulla diverticolite,ma intervenire sull'ernia.
A suo dire,la diverticolite non presenta al momento i maggiori rischi,sia
perché i sintomi da me manifestati non sono tali da allarmare.Infatti,non ho
mai avuto coliche addominali,ne' febbre e né acuti stati diarroici.i miei sintomi
si basano su una importante stipsi,meteorismo,leggeri crampi addominali ed
eruttazioni postprandiali.Un ulteriore colonscopia,fatta in questi giorni,ha
evidenziata la solita diverticolite nel sigma ,nella zona pelvica e,la novita',
una erniazione dell'ansa illiaca del sigma nel canale inguinale sinistro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
12% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
L'indicazione chirurgica per la diverdicolite del sigma oggi è molto limitata e solo ai casi gravemente complicati. Dalla clinica e dalla colonscopia mi pare che attualmente non ci sia indicazione ad intervenire per la diverticolite del sigma. Quindi le consiglio come già indicato dal gastroenterologo di sottoporsi prioritariamente ad intervento chirurgico per l'ernia inguinale sin da scivolamento. Per la diverticolite segua eventualmente i consigli dietetico-farmacologici dello stesso gastroenterologo. Disponile per ulteriori chiarimenti invio distinti saluti.
[#2] dopo  
Utente 345XXX

Iscritto dal 2014
preg.mo dottore,

La ringrazio per la risposta in merito alla necessita' e o opportunita' di

sottopormi all'ernia inguinale sinistra,rispetto alla diverticolosi e che,d'altra

parte,e' in linea con quanto dettomi dal gastroenterologo e dall'internista.

A tale proposito chiedo cortesemente di sapere se il normale e fisiologico

rischio di un'operazione all'ernia puo',nel mio caso,essere maggiore,considerato

che i diverticoli sono tutti situati nel sigma e nelle pelvi.

Da ultimo:se la stipsi e i disturbi digestivi,che fra l'altro accompagnano la

mia diverticolosi,possono attenuarsi con la risoluzione dell'ernia.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,la causa dei diverticoli e dell'ernia ing.sin.,e' la stipsi.Infatti ha determinato lo sfiancamento del sigma e del canale inguinale.Quindi trattamento chirurgico dell'ernia ma attenta gestione medico dietetica dei diverticoli per evitare complicanze che costringerebbero ad una soluzione chirurgica anche per i diverticoli.
Saluti
[#4] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
12% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Gentile utente, l'intervento chirurgico per ernia inguinale sin. che viene eseguito in anestesia locale e/o spinale già di per se non comporta un moderato rischio , che nemmeno la presenza di diverticoli del sigma aumenta.
Atteso che la stipsi e i disturbi digestivi possono avere varie cause, considerando che nel caso suo si crea un circolo vizioso fra stipsi-diverticoli ed ernia inguinale influenzandosi negativamente fra di loro, senz'altro l'intervento per ernia inguinale potrebbe attenuare in parte tali disturbi , specie i dolori crampiformi e nella misura della sintomatologia causata dall'ernia ( ovvero la sintomatologia dipendendente dal tipo, dalla grandezza e dall'impegno del segmento intestinale nel sacco erniario).
Per la diverticolosi segua i consigli dietetico-comportamentali soprattutto per migliorare la stipsi ed eventuale cicli diterapia antisettica intestinale. Distinti saluti.