Utente 767XXX
Mia madre di 71 anni ha subito il 17 Luglio 2008 un intervento di mastectomia al seno sn e conseguente linfonodectomia. E' stata dimessa il 27 Luglio. Ogni due/tre giorni si deve recare in ospedale per "aspirazione" del liquido che le si forma nella parte dove è stata eseguito la linfonodectomia (30.07.08 cc 90; 02.08.08 cc 42; 05.08.08 92 cc). E' normale questa continua formazione di liquido? Grazie per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Si, il cosiddetto sieroma ascellare dopo linfectomia si presenta in un considerevole numero di casi. In genere dopo alcune aspirazioni e con un po' di pazienza di risolve tutto. Auguri!
[#2] dopo  
Utente 767XXX

Iscritto dal 2008
Grazie. Ha tranquillizzato tutti noi e, mi creda, ne avevamo bisogno
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
come ha già scritto il collega Favara si tratta di una complicanza così frequente che non si dovrebbe neanche chiamare così:
Durante un intervento chirurgico di quadrantectomia o di mastectomia con linfoadenectomia viene in genere lasciato un drenaggio in sede ascellare, al fine di raccogliere le secrezioni (inizialmente ematiche o sieroematiche, successivamente sierose), che tendono a raccogliersi in tale sede.

Dopo la rimozione del drenaggio (che viene lasciato per pohissimi giorni per evitare infezioni), può rendersi necessario procedere nei giorni successivi alla evacuazione, attraverso agoaspirazione, del siero che si può accumulare nella cavità ascellare (sieroma).

La quantità di siero che si raccoglie è variabiale e purtroppo in alcuni casi persiste a lungo.

Cordiali saluti