Utente 765XXX
Salve,
Da quando avevo appena 13 anni mi sono comparse delle “venuzze” viola nelle gambe dietro al ginocchio piuttosto visibili conseguenti a sintomi quali gambe pesanti e doloranti. Ora che ne ho 23 le “venuzze” si sono triplicate (sempre nelle gambe) e questo potrei imputarlo al fatto che lavoro sollevando pezzi d'acciaio pesanti tutto il giorno e sempre e costantemente in piedi davanti ad una macchina con scarpe anti-infurtunistiche e pantaloni lunghi che più che essere di cotone sono molto pesanti e ad effetto sauna, in più mia nonna paterna ha problemi circolatori con pressione alta da diversi anni, mia madre uguale, mentre mio padre non ne ha e soffre di pressione bassa qualche volta quindi un po' potrebbe essere ereditario. Io ho una pressione normale che durante la giornata mi si abbassa in qualche episodio ed i miei esami del sangue sono a dir poco perfetti, niente colesterolo alto, niente glicemia bassa o alta, ferro a norma, globuli bianchi e rossi anche e seguo un’alimentazione a dir poco equilibrata e ricca di frutta e verdura. Ho acquistato "tegens" per il periodo estivo poiché i formicolii e la pesantezza aumentano causate dal caldo ma con scarso risultato oltre al fatto che eseguo impacchi freddi e vado al lavoro a piedi (30 min di camminata, sono circa 3,5 km), che posso fare?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Lei ha identificato molto bene i suoi fattori di rischio e le manifestazioni cliniche di una verosimile insufficienza venosa. E' opportuno che si sottoponga ad una valutazione specialistica con ecocolordoppler. Nella sezione MinForma troverà un articolo che potrà interessarla riguardo le teleangectasie:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=26739