Utente 257XXX
Buongiorno, vi scrivo per avere ulteriori informazioni circa le cure per EP e IPP. Sono un ragazzo di 33 anni, aposato con due bimbi. Con mia moglie non sono mai riuscito ad avere rapporti gratificanti (soprattutto per lei) a causa di un mio mancato controllo sui tempi dell'eiaculazione. Mi sono rivolto all'andrologo, il quale mi ha prescritto tutti gli esami di rito, che sono risultati tutti in ordine. Mi ha prescritto per 3 mesi cura con Cialis e Anafranil da 10mg. Utilizzando preservativi ritardanti, a volte, va meglio, ma non sempre. Mi è stato proposto un intervento per correggere la curvatura (Nesbit) e dovendo fare la circoncisione, si migliorerà anche la durata dei rapporti a causa della perdita di sensibilità del glande (due piccioni con una fava). Vorrei avere altri pareri circa l'intervento, che mi è stato detto essere lungo (2 ore circa) e delle possibili complicazioni (diciamo che vorrei essere tranquillizzato). Quali sono le percentuali di successo di questo tipo di intervento, sia per correggere la curvatura che il miglioramento delle prestazioni in seguito alla circoncisione? Potrebbero esserci delle disfunzioni erettili in seguito alla diminuzione di sensibiltà? Ringraziando porgo distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Moiso
28% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
gentile utente,
le domande che pone sono molte e le risposte non possono prescindere da una adeguata visista andrologica. La terapia chirurgica dell'incurvamento del pene mediante corporoplastica (di cui la tecnica di Nesbit è un esempio tra i piu' utilizzati e con ottimi risultati) avviene quasi sempre mediante una circoncisione che è parte dei tempi operatori e sul cui esito posso concordare con il collega che la sta seguendo. L'indicazione all'intervento è generalmente posta quando la curvatura provoca una significativa interferenza con la qualità di vita sessuale del paziente, ma il poter rispondere a questa domanda via web è, le assicuro, vista l'importanza, troppo limitato.
La invito pertanto a contattare un andrologo della sua città per poter stabilire il corretto iter e rivalutare il discorso della EP che in parte, ma solo in parte, può essere riconducibile a quanto propostole.
Cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

spesso pazienti con curvatura congenita dell'asta presentano un insoddisfacente qualità della rigidità del pene e della possibilità a mantenerla nel tempo con conseguente ( direi obbligatoria) eiaculazione precoce.
in questi soggetti il problema non è la eiaculazione precoce ma la impossibilità a mantenere nel tempo l'erezione !! In tal senso si dovrebbe muovere la terapia del problema.
Circa la necessità di correggere la curvatura dovrebbe avere una valutazione complessa.
Dopo aver operato centinaia di pazienti sono dell'avviso che debbano esser operati solo pazienti a cui la curvatura impedisce concretamente la penetrazione. Non "tutti".
veda su www.andrologia.lazio.it qualche dato in merito
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2007
Buongiorno e grazie infinite per la tempestività delle risposte. Vorrei chiedere una precisazione: la curvatura congenita dell'asta può essere una concausa della perdita di erezione durante i rapporti e, quindi, dell'eiaculazione precoce? In ogni caso se volessi correggere la curvatura, anche solo per motivi estetici, i rischi che si corrono sono "troppo elevati"? In che modo si stabilisce il tipo di intervento per la correzione? Perchè Nesbit piuttosto che un altro tipo?
Ancora grazie.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

non ci sono rischi particolarmente elevati in una corporoplastica ma la decisione deve essere abbastanza chiara o decisa: Motivi estetici o funzionali
cari saluti