Utente 583XXX
Salve,
Sono un ragazzo di 28 anni che soffre da sempre di iperidrosi.
Per farla breve sudo molto un po' dappertutto, ma come immaginerete è l'ecessiva sudorazione delle mani a condizionare in negativo la mia vita sociale e lavorativa.
Ho letto su internet che attraverso una tomografia computerizzata, combinata a una fluoroscopia, si può guidare con precisione l'ago nel trattamento di questo problema,riducendo al minimo rischi e fastidi per il paziente.(tecnica di Hugues Brat)
La cosa strana è che questa tecnica definitiva non prevede anestesia.
Potreste rassicurarmi su tale tecnica( di cui non è specializzato il nome scientifico) e se è possibile indicarmi dove è possibile effettuarla?Grazie


[#1] dopo  
Dr.ssa Sarah Marchionni
24% attività
0% attualità
12% socialità
LEGNANO (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
un'altra tecnica correntemente usata è basata sull'uso di tossina boltulinica che viene eseguita ambulatorialmente.
[#2] dopo  
Utente 583XXX

Iscritto dal 2005
grazie per il consiglio,
io so perà che questa tecnica è dolorosa e va ripetuta ogni 6 mesi.
E poi ho sentito che le sedute sarebbero abbastanza costose.
Mi sa dire qualcosa in merito?

Grazie
[#3] dopo  
Dr.ssa Sarah Marchionni
24% attività
0% attualità
12% socialità
LEGNANO (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
è un trattamento ambulatoriale che viene eseguito senza anestesia...non è doloroso, se mai un pò fastidioso. Il costo è proporzionale alla quantità di tossina da utilizzare. va eseguito ogni 6/ 8 mesi. le consiglio una cosa si faccia visitare da chi pratica l'intervento di cui chiedeva spiegazioni e si faccia spiegare cosa viene fatto, i pro e i contro e poi decida cosa è meglio per lei.
[#4] dopo  
Dr. Francesco Inzirillo
36% attività
0% attualità
12% socialità
SONDALO (SO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Gentile utente
L'iniezione di tossina botulinica è una delle tecniche utilizzate per risolvere il problema dell'iperidrosi ascellare e palmare ma purtroppo l'effetto è limitato nel tempo e soprattutto in alcuni casi il tempo di latenza tra un trattamento e l'altro si riduce via via sempre più.
L'unico metodo sicuro e definitivo per risolvere il problema è un piccolo intervento chirurgico che si chiama simpaticectomia videotoracoscopica.
In pratica tramite due piccoli forellini in sede ascellare (quindi non visibili) si esegue la sezione di un nervo che si chiama "nervo simpatico" in un suo tratto responsabile della sudorazione eccessiva.
In tal modo si elimina la sudorazione patologica ma non quella normale (essenziale per la vita).
Il vantaggio è che il risultato è immediato e definitivo. Lo svantaggio è che si tratta di un intervento vero e proprio (anche se davvero banale, il più banale della chirurgia toracia) da eseguire in anestesia generale.
Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti
[#5] dopo  
Utente 583XXX

Iscritto dal 2005
Grazie per l'attenzione dott. Inzirillo.

Come ha detto lei è un vero e proprio intervento chirurgico, ed è questo che un po' mi spaventa.
In ogni caso vorrei sapere la prassi che si deve seguire per arrivare a questo intervento.

Vorrei inoltre sapere se si stratta di operazione da eseguire a pagamento. Se si vorrei sapere a quanto ammonterebbe la spesa.

La ringrazio anticipatamente.

saluti.
[#6] dopo  
Dr. Francesco Inzirillo
36% attività
0% attualità
12% socialità
SONDALO (SO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
E' normale essere preoccupati per un intervento chirurgico. Mi stupirei del contrario!
Tengo a sottolineare comunque nuovamente che si tratta dell'intervento più banale che il Chirurgo Toracico esegue.
L'intervento può essere eseguito a carico del SSN oppure se preferisce in regime di solvenza (diretta o tramite assicurazione).
Nel centro in cui lavoro, per esempio, è possibile scegliere entrambe le possibilità.
La prassi prevede una prima visita ambulatoriale e poi successivamente, nel caso in cui dovesse decidersi, la messa in nota per l'intervento.
rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti