Utente 332XXX
Buongiorno,
scrivo perché vorrei risolvere il mio problema di disfunzione erettile.
Inizio con un dato di fatto recente: ad Agosto 2013 sono stato operato di frenulotomia, frenuloplastica e circoncisione parziale per risolvere una fimosi che mi impediva di scoprire il glande anche a riposo. A distanza di 6 mesi dall'intervento, ci siamo però accorti di un problema avvenuto nel processo di cicatrizzazione, per cui ora, passato un anno, ho ancora il segno della cicatrice come un sottile cordone duro che mi impedisce di scoprire completamente il glande in erezione (a riposo lo scopro invece completamente). Questa sarà forse una causa della mia incapacità di raggiungere un'erezione soddisfacente e di mantenerla. Però quello che mi preoccupa, è che persino prima di fare l'operazione non ricordo di una volta che io avessi raggiunto un'erezione soddisfacente. Il mio pene ha una leggera curva naturale verso il basso, quindi forse devo mettermi in testa che non raggiungerò mai un'erezione che superi i 90° gradi (che guardi verso l'alto, per intenderci), però adesso non è comunque soddisfacente. Durante la masturbazione raggiungo la mia solita via di mezzo tra un'erezione normale e il pene flaccido, il pene sta completamente all'ingiù, e quando l'erezione migliora non riesco a mantenerla per più di qualche secondo. E' possibile che nemmeno da solo ci riesca? Durante il rapporto sessuale, invece, raggiungo la situazione appena descritta almeno fino al momento prima della penetrazione: in quel momento la perdo completamente e solo dopo numerosi tentativi riesco a portare a termine il rapporto, anche se non in modo soddisfacente certamente. L'erezione è così precaria che solo l'infilare il preservativo me la può far perdere del tutto. Questo ultimo fatto farebbe sembrare che sia soprattutto un problema psicologico, magari di genstione dell'ansia, ma non lo so in realtà. Ho parlato con il medico (solo accennando al problema) e mi ha detto che è molto probabilmente solo un problema psicologico dovuto all'operazione, che mi fa sentire insicuro. Potrebbe però essere questa la causa di una disfunzione erettile anche durante la sola masturbazione?
Mi scuso per il messaggio lungo e prolisso, ma ci tenevo a spiegarmi bene dato tutto lo stress e la tristezza che questa situazione mi procura.
Grazie per l'attenzione e il tempo concessomi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

dia retta al suo medico di fiducia che mi sembra ben preparato ed orientato.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html ,

http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Un cordiale saluto.