Utente 769XXX
Scrivo sperando veramente di trovare una risposta esaustiva.
Il mio compagno (59 anni) dall' età di 45 anni circa ha un disturbo che gli sta rendendo la vita impossibile. Ovvero tutte le notti appena riesce ad addormentarsi, indipendentemente dall' attività sessuale, viene svegliato all'improvviso da una forte contrazione dolorosa al basso ventre e da un erezione non piacevole e non legata a desiderio sessuale, quindi è costretto ad alzarsi per farsi una doccia e tornare a dormire, ben sapendo che la cosa si ripeterà anche 4 volte nell'arco della notte con conseguenze devastanti sulla qualità del riposo, e quindi sul sistema nervoso e qualità di vita.
Dopo aver consultato vari specialisti (urologo andrologo, dermatologo, omeopata, chirurghi vari, neurologo)e aver fatto vari tipi di esame (sangue, ecografie, psa,esami ormonali ecc.) ed essersi sentito dire più volte: "sei sano come un pesce", "sei fortunato che non devi prendere il viagra", "hai le analisi perfette di che ti lamenti" ecc. è stanco e sfiduciato.
In effetti il neurologo gli ha detto che potrebbe essere un eccesso di dopamina, ma che le cure avrebbero avuto conseguenze sgradevoli.
Insomma non mi rassegno che non ci sia una spiegazione scientifica a un fatto che ha dei risvolti persino drammatici.
E' stato escluso che si tratti di priapismo, e forse può essere interessante che gli è stata tolta la vena safena dopo un incidente in moto all' età di 17 anni. Inoltre segnalo che non ha nessun disturbo erettile durante l'attività sessuale e il fenomeno doloroso avviene solo di notte durante il sonno.
Ringrazio in anticipo e saluto cordIalmente
Adua

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
cara lettrice,

fenomeni di erezioni notturne dolorose si presentano in alcuni soggetti e sono fonte di notevole disagio.
Potrebbe essere utile valutare una registrazione notturna con Rigiscan e provare con una qualche forma di terapia medica, farmacologica che tenda ad abbassare stimoli nervosi e/o ormonali durante la notte
senta uno specialista ( uno solo !!)
cari saluti