Utente 356XXX
Il mio lavoro e' come impiegato, quindi sedentario.
Negli ultimi anni, nei week-end faccio muretti a secco. Che anno causato qualche episodio di lombalgia sempre risolta in pochi giorni.
Questo agosto, durante una camminata di piu' giorni, con zaino di circa 8 kg, ho avuto un colpo della strega. A seguito lombalgia acuta e tendinite anteriore sopra la caviglia destra. Mi sono fermato.
E a distanza di 20 giorni ho fatto RX colonna lombosacrale e RM lombosacrale

RX:
Ridotta la fisiologica lordosi del rachide lombare
Vertebra lobare sovranummeraria.
Conservati in altezza i somi in esame che presentano profili dei muri somatici posteriori regolari ed allineati.
Conservati gli spazi intersomatici in esame.
Opportuno controllo diagnostico o proseguimento di indagine al persistere della sintomatologia clinica.

RM:
Rettilineizzazione della fisiologica lordosi lombare.
Iniziali note artrosiche delle porzioni affrontate dei somi in esame.
Non altre alterazioni morfostrutturali ossee.
Nei limiti le dimensioni del canale rachideo.
Versamento nelle articolazioni iterapofisarie L4-L5.
Formazione erniaria mediana del disco L4-L5 con discreta impronta sul sacco durale ed impegno foraminario bilaterale. Protusione posteriore del disco intersomatico L5-S1 con moderata impronta sul sacco durale.
Rettilineizzazione del profilo discale posteriore del disco L3-L4.
Regolari i restanti profili posteriori dei dischi in esame.
Nei limiti di questa metodica le strutture endorachidee.


E' grave?
Posso rimettere tutto a posto?
Cosa mi consiglia di fare?
Per quanto riguarda lo sport posso riprendere a fare ciclette ellittica o e' meglio non fare nulla?

Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Il referto della RMN descrive la presenza di iniziale artrosi lombare; di un versamento articolare in L4-L5; di un'ernia del disco L4-L5; di una protrusione del disco L5-S1. Anche il disco L3-L4 è alterato.
Non è possibile esprimere un parere su un quadro clinico solo leggendo un referto e senza aver visto le immagini ma soprattutto senza aver visitato il paziente. Un quadro può essere più o meno grave in base a quanto lo specialista rileva visitandoLa: Le ricordo che la RMN non ha nessun significato clinico da sé sola ma acquista rilievo solo quando va a completare la visita specialistica integrandosi con quanto emerso dall'esame clinico. Per questo il referto non costituisce una diagnosi ma semplicemente la descrizione di ciò che il Radiologo ha rilevato guardando le immagini della RMN.
Se per "rimettere tutto a posto" intende far scomparire quanto descritto devo dirLe che ciò non è possibile : l'artrosi non si cura e i dischi degenerati possono al massimo non peggiorare o peggiorare lentamente. Possono invece essere curati i sintomi che artrosi e discopatie possono comportare, con cure mediche e fisiche.
La sola cosa da fare è consultare un ortopedico esperto e seguire con scrupolo i suoi suggerimenti.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 356XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la risposta.
Attualmente non ho dolori vistosi e cosi' ho preso un appuntamento dal Fisiatra per novembre.

Ho osservato in questi ultimi anni che tendo a consumare entrambe le suole delle scarpe al tallone. Non so se la cosa abbia qualche significato.