Utente 523XXX
Buon giorno

Alcuni 2 mesi fa ho rilevato una verruca sulla parte anteriore del piede (pianta) e ho optato per una automedicazione a base di azoto liquido (metodo Wartner). A seguito dell'appliacazione del trattamento un'intera area (diametro 1 cm) di pelle si e' staccata dallo strato profondo creando una bolla. Ho fatto fuoriuscire il liquido bucando la pella per una settimana circa e ho poi rimosso il circolo di pelle dato che si era rinsecchito. Assieme all'anello di pelle morta se ne e' venuta via anche la verruca. Fino a questo punto tutto bene. La pelle sottostante si presentava piuttodsto bene (non sanguinante) benche molto delicata. Faccio notare che lo strato di pelle rimosso aveva spessore di circa 1 millimetro (abbastanza spesso insomma). Ad ogni modo lo strato sottostante non era sanguinante e appariva perfettamente sano, liscio e non danneggiato. Ad oggi lo strato sottostante e per cosi dire "venuto a galla" e si sta integrando con lo strato piu' esterno. L'unico problema e' che lo strato di pelle profondo, all'inevitabile esposizione ad agenti fisici (calpestio) ha cominciato a irrigidirsi e ha finito per formare una callosita che devo continuamente assottiglaire con lime per la pelle e ammorbidire con crema idratante. Inoltre a volte la pelle sanguina leggermente quando cerco di rimuovere la leggera callosita'

volevo capire se si e' innescato qualche processo patologico o se il fenomeno e' ascrivibile a un normale processo di trasformazione e irrobustimento dello strato di pelle emerso a seguito della crioterapia.

dati paziente:
Sesso: maschio
Eta': 30
Peso: 70kg
Altezza: 180cm

Ringrazio in anticipo per la cordiale risposta
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
direi che il controllo deramtologico, non appena possibile sia d'obbligo per verificare l'eventuale scomparsa della lesione e la valutazione dell'eventuale ipercheratosi associata.

cari saluti
[#2] dopo  
Utente 523XXX

Iscritto dal 2007
ma l'ipercheratosi puo' regredire in qualche modo? ci sono farmaci che ne favoriscono la scomparsa? perche credo che sia proprio quello il problema. Lo strato epitelliale continua a rigenerarsi anche se mi sembra che stia lentamente migliorando.

Cordiali saluti