Utente 328XXX
Gentili dottori.

Da poco più di 2 mesi avverto una lieve artralgia diffusa migrante (che coinvolge le articolazioni di braccia, gambe, mani, piedi e parte bassa della colonna vertebrale), senza rossore, senza gonfiore, senza febbre o altri sintomi generali.

Il reumatologo (da cui tornerò tra 10 giorni) mi ha dato una serie di esami da fare: ves, pcr, emocromo, formula leucocitaria, piastrine, transaminasi, fosfatasi alcalina, elettroforesi sieroproteica, glucosio,creatinina, azoto, LDH, CDK, esame urine...tutto nella norma...l'unico esame positivo è ahimé quello degli ANA (>1:640 con valore di riferimento <1:80; il pattern è omogeneo).

Dopo la prima visita reumatologica, visto che tra le patologie sospettate vi era l'artrite psoriasica, ho fatto una visita dermatologica per capire la causa onicodistrofie diffuse (unghia delle mani infossate): il dermatologo ha diagnosticato una predisposizione psoriasica.

Mi ero quindi messo il cuore in pace, accettando l'idea di avere l'artrite psoriasica...e invece è venuto fuori questo valore anomalo degli ANA, che a quanto ho letto è legato a patologie immunitarie ben più gravi...

E' possibile che io abbia psoriasi e connettivite insieme? Oppure che l'artrite psoriasica dia valori così alti di ANA?

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
La positività degli anti-nucleo non significa automaticamente che Lei abbia una connettivite: può infatti ritrovarsi nella psoriasi e quindi anche nella relativa artropatia. In teoria è possibile che dipenda anche da qualcos'altro.
La diagnosi si basa su diversi altri elementi - caratteri del dolore e sue sedi, dati strumentali (Rx/US/RM), eventuali ulteriori manifestazioni cliniche ed eventuali ulteriori alterazioni di laboratorio - oltre che sul dato sierologico degli autoanticorpi.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 328XXX

Iscritto dal 2013
Buonasera, grazie per la risposta.

Ma sono questi anticorpi che attaccano le articolazioni provocando il dolore?

Inoltre, del tessuto flogistico con lieve infiltrato infiammatorio, scambiato per un tumore del testicolo (operazione avvenuta 1 anno fa circa), potrebbe essere collegato alla possibile patologia autoimmune che si sta manifestando adesso?

Grazie.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Per quanto concerne la prima domanda: non è così semplice; diciamo che in linea generale la presenza di autoanticorpi nell'ambito di un particolare quadro clinico può significare che il problema sia provocato da un'alterazione del sistema immunitario.

Il pregresso "pseudotumore" testicolare non può avere una relazione con il quadro clinico attuale.

Saluti,
[#4] dopo  
Utente 328XXX

Iscritto dal 2013
Buonasera, grazie ancora per la risposta.

Ho fatto la visita, non ho ancora una diagnosi, lo specialista ha parlato di "connettivite indifferenziata"...potrebbe differenziarsi in lupus (ho anche una leggera irritazione alle guance, ma ad oggi non tutti i criteri per la diagnosi di lupus sono soddisfatti)...devo fare altri esami più specifici per quanto riguarda gli autoanticorpi...

Ho letto che le malattie autoimmuni possono essere scatenate da traumi, infezioni, stress...può essere stata l'operazione al testicolo (avvenuta circa 7 mesi prima della comparsa dei primi sintomi) ad aver scatenato la reazione autoimmune?

Grazie.
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Un'operazione di 7 mesi prima direi proprio di no.
Un'infezione di poche settimane prima forse sì ( http://www.medicitalia.it/consulti/Ortopedia/424184/Dolore-agli-arti ).
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 328XXX

Iscritto dal 2013
Buonasera.

Nel frattempo ho fatto altri esami:

1) ecografia ed RX torace tutto ok;

2) emocromo, formula leucocitaria, piastrine, transaminasi, fosfatasi alcalina, glucosio,creatinina, azoto, LDH, CDK, esame urine, VES, PCR, TAS, C3, C4, fattore reumatoide, anticardiolipina, LAC, D-dimero, anti-DNA nativo, anti-ENA, anticitrullina, tutti nella norma;

3) ANA 1:160 omogeneo, fibrinogeno basso, elettroforesi sieroproteica bassa; IgG-EBV alte, IgM-EBV basse.

Il fatto che gli ENA siano tutti negativi è una buona cosa?

Le IgG-EBV alte sono sicuramente collegate alla mononucleosi avuta da bambino oppure potrebbe esservi stata una riattivazione recente tale da spiegare la sintomatologia attuale (ovvero i fastidi articolari e muscolari)?

Dovrei forse rivolgermi ad uno specialista diverso dal reumatologo?

Grazie.