Utente 173XXX
Genile dottore, le scrivo per un episodio che mi è capitato qualche mattina fa..
Premetto che avevo dormito poco la notte precedente, in pratica è successo che ho avvertito come un formicolio al collo e poco dopo è partita una tachicardia che mi ha causato vertigini e malessere. Preoccupato sono andato al PS vicino e nel mentre mi recavo un pò si sono attenuati i disturbi, ma mentre ero in attesa di essere chiamato ho avvertito di nuovo il forte malessere, con palpitazioni e ricordo che l'infermiera ha detto che ero diventato tutto bianco cosicché mi hanno visitato subito. All'ecg non sono risultate anomalie ma agli esami ematici sono risultati alterati LDH CPK e AST (potassio non dosabile per emolisi), mentre gli altri valori inclusi la troponina erano nella norma. PA: 90-95/135-140 (sono un soggetto tendente all'iperteso).
Aggiungo che occasionalmente ho un fastidio dolore a livello dello sterno e dietro la schiena e altra cosa inoltre soffro di ernia iatale e fibrilazione atriale episodica (nonché alcune extrasistoli).
Alla luce di questo volevo sapere il suo parere.

Grazie, e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Può essersi trattato di un'aritmia (visto che lei soffre di fibrillaziione atriale). Inoltre andrebbe fatto un approfondimento sulle cause e stabilire se lei è o meno iperteso. Per questo dovrebbe eseguire un Holter pressorio delle 24 h preferibilmente durante la stagione invernale e le consiglio la lettura dell'art. al riguardo http://www.medicitalia.it/minforma/cardiologia/1940-ipertensione-arteriosa-prevenzione-diagnosi.html. Infine sarebbe anche opportuno eseguire un test da sforzo per i fastidi retrosternali che riporta .
Saluti cordiali
[#2] dopo  
Utente 173XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la celere risposta, quindi secondo lei potrebbe essere che che la tachicardia potrebbe avermi causato un temporaneo sbalzo pressorio e quindi i sintomi associati? Ad ogni modo seguo il suo consiglio e parlerò col mio medico circa i due esami che mi ha suggerito.

Le allego anche l'holter ECG che ho fatto qualche mese fa:

Ritmo sinusale costante con freq tra 53/min e 117/min (media 68/min)
Normali escursioni circadiane della frequenza cardiaca.
Rare (11) extrasistoli sopraventicolari, condotte, isolate.
Assenza di aritmie ventricolari.
Assenza di turbe della formazione dell'impulso e della conduzione atrio-ventricolare.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L'Holter ECG è un'esame con molti limiti diagnostici poichè si basa su una registrazione passiva dell'attività cardiaca e per sole 24 h (mentre la nostra vita è fatta di 265 giorni all'anno...). Può essere di ausilio diagnostico un ECG da eseguirsi durante i sintomi (ma il problema è che spesso le aritmie hanno una durata così breve da rendere difficile ladocumentazione ECG)....