Utente 357XXX
Salve. Ho scoperto da pochi giorni che mio figlio, 13 anni, ha un ricurvamento del pene di circa 60 gradi verso il basso.
Naturalmente mi sono subito attivato per cercare su internet un centro di eccellenza cui affidarmi.
Potreste darmi delle linee guida su quali siano i criteri da seguire per effettuare la scelta migliore?
In particolare ho i seguenti dubbi:

- Conviene rivolgersi (13 anni) ad un chirurgo pediatra o per adulti?
- Gli specialisti che operano adulti dovrebbero (o sbaglio) avere un esperienza molto maggiore essendo il nostro un problema rilevabile in età adulta?
- Conviene affidarsi ad un Ospedale, ad una Casa di cura specializzata, ad uno specialista che opera solo in privato o anche in Ospedale....insomma, come posso scegliere?
- E' ragionevole pensare che gli Ospedali, occupandosi di tutte le patologie a carattere Urologico o Andrologico, abbiano meno esperienza dei centri (o specialisti) che si occupano solo di questo tipo di operazioni?
- Come posso conoscere quante siano le operazioni eseguite da ciascun centro/ospedale/specialista e le relative percentuali di successo/insuccesso?

Insomma, come posso fare una buona scelta se non conosco nessuno e voglio assolutamente evitare l'effetto Roulet Russa (se mi va bene mio figlio guarisce, se mi va male resta impotente) :(
Grazie
Gennaro

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,in prima istanza,consulterei uno specialista in zona,che certo non manca,con il quale porre una diagnosi rigorosa che possa indirizzare la opzione chirurgica.In un secondo momento ci si porrà il problema di quale,dove e quando consultare un andrologo chirurgo.Gli interventi di corporoplastica sono codificati e non é difficile identificare una figura professionale idonea,cosa a noi interdetta dai regolamenti del Forum.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

un incurvamento dell'asta di per sè non è elemento che possa sostanzialmente interferire con la attività sessuale di suo figlio, quando la inizierà.
Nel sospetto o convinzione di un incurvamento ventrale dell'asta diventa importante consultare un andrologo, meglio di estrazione chirurgica, che possa visitare il ragazzo ed effettuare gli accertamenti ecodoppler che possano escludere patologie dei corpi cavernosi, al di là della curvatura, e possano far decidere se sia opportuno procedere ad una correzione con corporoplastica ( procedura abbastanza codificata) subito o se possa essere opportuno aspettare le prime esperienze sessuali.
Nella mia lunga carriera di andrologo chirurgo ho avuto modo di valutare centinaia di ragazzi con curvature dell'asta molti dei quali, visto che la cosa non impediva loro di avere piacevoli e gratificanti rapporti sessuali, hanno deciso di non procedere alla correzione chirurgica che, comunque, ha delle piccole conseguenze negaative (accorciamento, sensibilità...).
Al di là della presumibile ansia del ragazzo cerchi di non scaricare su di lui le sue ansie di padre estremamente preoccupato per una patologia abbastanza frequente e risolvibile.
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Dottori, come al solito molto chiari e professionali.
Cordiali saluti