Utente 322XXX
Buona sera egregi dottori le scrivo per l'ennesima volta e mi scuso per il disturbo che posso comportare ma è da un paio di giorni che nn sto tanto bene. Vi spiego brevemente: il 14/08/13 ho avuto il mio primo attacco di panico con bruciore al petto e braccio sx, sudorazione, battiti accelerati e paura di morire. Da il diverse corse in ospedale ho fatto diversi ecg, esami del sangue, rx torace, ecocuore, esami urine ecc ecc... Il mio medico curante mi ha consigliato uno pscicologo e uno psichiatra k mi ha prescritto tavor che adesso nn prendo più e daparox 1 al dì da 1 mg che ancora tuttora prendo. La situazione è molto migliorata dato che nn volevo più fare sport, uscire di casa e lavorare mentre adesso faccio quasi tutte cose tranquillamente. Però da circa 10 giorni mi sento nuovamente fiacco, pesantezza al braccio sx e nuovamente con paura di avere un infarto. L'ultimo ecg sotto sforzo l'ho fatto circa tre mesi fa con esiti nella norma. Io premetto che ho 21 anni fumo ma nn bevo alcolici e pochissimi quasi niente caffè. Adesso che sto nuovamente male devo rifare esami? Proprio adesso ho il braccio sx appesantito cosa devo fare? Per favore datemi una risposta HO PAURA

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore
lei continua a porre la stessa domanda da quasi un anno, ripetutamente, nonostante le sia stato detto che i sintomi che riporta non dipendono dal cuore, ma da un'ansia patologica che deve essere trattata da uno specialista (uno psichiatra). E' inutile continuare quindi a porre domande nell'area cardiologia, anche perchè sulla base delle regole di MI avrei già dovuto respingere la sua domanda di consulto. Lei DEVE affidarsi alle cure di uno psichiatra, se non l'ha già fatto, o differentemente far riferimento alle sue indicazioni quando ha le crisi di panico.
Cordialmente