Utente 357XXX
Salve , dopo un paio di mesi di fastidi ( piu che dolori ) che si presentano sopratutto quando ad esempio spingo pesi ( esempio carrello spesa, valigie ecc ecc ) e dopo radiografia con esiti totalm negativi ho fatto una risonanza magnetica con i seguenti risultati:
Minima reazione sinoviale retropatellare ed intercondiloidea.

Nel cavo popliteo iniziale distensione fluida della guaina dei muscoli
gastroocnemio-semimembranoso.

Cartilagini ed osso : segni di sofferenza sub-condrale femoro-tibiale mediale.

Menischi : breve segnale lineare a decorso obliquo nel corno posteriore del
menico mediale; non evidenti alterazioni della morfologia e dell'intensità del segnale nell'ambito della risoluzione RM a carico del menisco esterno.


Lega: esile ma evidenziabile lungo il suo decorso il LCA.

Disomogeneo con strie di iperintensìtà in T2 il LCM .
Non evidenti alterazioni della morfologia e dell'intensità delsegnale nell'ambito della risoluzione RM, a carico del LCP e del LCL.

La mia domanda è quale percorso intraprendere? A parte un'ovvia visita specialistica, le mie perplessità sono se fare della bici oppure no , della fisioterapia oppure no, quali attività evitare completamente, ecc ecc.

Vi ringrazio anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr.ssa Simona Rossetti
24% attività
4% attualità
0% socialità
SAN SALVO (CH)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2014
Buonasera,
dal referto della risonanza sembrano esserci gli esiti di un pregresso trauma distorsivo di cui lei non fa menzione (LCA-LCM e menisco interno).. sicuramente nell'attesa di una visita ortopedica specialistica (fondamentale per capire il "peso" della patologia) può essere d'aiuto effettuare un rinforzo del muscolo quadricipite (idrokinesiterapia e cyclette posso essere d'ausilio).
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
Si in effetti, tre mesi fa, ho subito un trauma ( volgarmente chiamata storta) mettendo un piede su un falso scalino.
Non facendo sport a livello agonistico e/o amatoriale, il mio unico dubbio era se il mio caso necessitasse di intervento chirurgico o potesse bastare una terapia a base di fisioterapia e rieducazione. grazie.
[#3] dopo  
Dr.ssa Simona Rossetti
24% attività
4% attualità
0% socialità
SAN SALVO (CH)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2014
Sicuramente è indispensabile un rinforzo del tono quadricipitale, che è fondamentale per la stabilità del ginocchio, a maggior ragione nel suo caso in cui il LCA risulta non perfettamente integro.
Sulla necessità o meno dell'intervento, molto dipende dalla sua clinica, nel senso che se il ginocchio , con le adeguate cure fisioterapiche, rimane stabile e non le provoca cedimenti, instabilità e/o dolore nelle sue attività quotidiane (non necessariamente l'attività sportiva), l'intervento non è indispensabile, tenendo ben presente comunque che essendo un ginocchio con un alterata biomeccanica è più predisposto di un ginocchio sano all'instaurarsi di alterazioni cartilaginee-meniscali.
Cordiali saluti