Utente 353XXX
Buonasera a tutti cari dottori. Quasi due anni fa la mia vita ha preso una brutta piega, ero probabilmente insoddisfatto della mia vita, ho iniziato a fare uso di cocaina e a soffrire di depressione. È stato fortunatamente un uso sporadico, non una dipendenza, ne avrò fatto uso credo una ventina di volte, trenta se devo esagerare ma penso di no. In quantità modiche tra l'altro, non più di 0.3g a volta, spesso anche meno. Solo due/tre volte mi sono spinto più in la sentendomi male, una volta ricordo ero quasi collassato mi sentivo molle e completamente senza forze. Un'altra volta feci uso contemporaneo di coca, cannabis ed alcol e finii al pronto soccorso, ricordo di aver avuto davvero paura di morire, arrivai al PS con la frequenza cardiaca a 147 che andava avanti da circa un'ora, i medici mi dissero che un'altra mezzora avrebbe potuto essere fatale, ma comunque non riscontrarono alcun problema al cuore.
Quella fu l'ultima volta che pippai. Non fumai nemmeno piu, dopo avere fatto uso abbondante per 4 anni di cannabis (mai avuto il vizio delle sigarette invece), diciamo che lo spavento mi è servito. Poi ho iniziato a soffrire di attacchi di panico e ansia, adesso ho ripreso nelle mani la mia vita, sono ancora in terapia ma le cose vanno bene e sono iscritto all'università (ho 21 anni). Adesso vi scrivo perché mi sento spesso stanco e avverto delle fitte al cuore, e mi è venuta un po' di paura. È il caso che faccia qualche controllo? Magari un ECG sotto sforzo o un ECD? Ammesso che di coca si può morire anche facendone uso una volta in tutta la vita, pensate il mio cuore possa aver accusato dei danni? Considerando l'uso non eccessivo che ne ho fatto (circa 4 mesi) e che l'ho mai più toccata da quella volta, ormai un anno e 5 mesi fa? Grazie a tutti e scusate se mi sono prolungato, volevo essere più chiaro possibile.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se lei ha un incidente in auto perché andava troppo veloce e non è morto se poi inizia a guidare normalmente non ha maggiore rischio degli altri.
Ogni volta che usa queste droghe rischia la morte improvvisa, o un ictus od un infarto.
Tutto qui
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 353XXX

Iscritto dal 2014
Caro dottore, grazie (in ritardo) innanzitutto della risposta. È passato ormai circa un mese da quando ho chiesto il consulto, e continuo spesso ad avvertire queste maledette fitte spesso molto forti, ogni tanto sento come se mi si stringesse il cuore e avvolte sento che salta un battito proprio. Capisco l'impossibilità di fare diagnosi a distanza, ma lei crede che questi siano sintomi da approfondire, o che siano frutto di una somatizzazione delle mie preoccupazioni? Certo che vorrà rispondermi, colgo l'occasione per ringraziarla e porgerle i miei più distinti saluti.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non penso che lei abbia problemi cardiaci ma esegua un ECG sotto sforzo
Sempre se non ha più assunto droghe
Altrimenti perde tempo lei ed il cardiologo
Artivedrrci