Utente 358XXX
Buongiorno,
Mi chiamo Luca, 29 anni... E scrivo da Palermo.
Tempo fa, causa un rapporto anale non protetto..., mi procurai la Sifilide.
Oggi dopo anni mi porto dietro un segno di questa che vorrei togliere (una merisca).
Premetto di essere omosessuale e di praticare con molto piacere il sesso anale...
La mia preoccupazione verte sul rischio di eventuali fastidi sia a breve che lungo termine dopo l'intervento durante le mie pratiche sessuali...
In altre parole... può a seguito dell'intervento chirurgico per la rimozione della merisca il sesso anale non essere più lo stesso? Potrei viverlo con dolore anche dopo anni ad avvenuta cicatrizzazione della lesione chirurgica? Potrebbero verificarsi problemi nella dilatazione dell'ano che altrimenti non si presenterebbero (sia in assenza di intervento per l'asportazione della stessa, sia in assenza della stessa)...
La mia paura è che una cicatrizzazione a seguito dell'intervento chirurgico possa compromettere la mia attività sessuale a livello anale... (penetrazione, dilatazione)... Come una maggiore sensibilità-fragilità-vulnerabilità della parte trattata..., con facilità di riapertura o dolore della cicatrice..., o limitazione nella dilatazione della stessa (dilatazione possibile entro limiti ridotti rispetto a uno sfintere non trattato chirurgicamente).

In attesa di risposte

Cordialmente,
Luca

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Nel postoperatorio fino a guarigione della ferita chirurgica sara' opportuno evitare. Dopo non ci dovrebbero essere problemi anche se sicuramente la sensibilita' della zona cicatriziale si modifica, in modo variabile da paziente a paziente.Lo sfintere non viene coinvolto nell' asportazione della marisca.Prego.