Utente 280XXX
Gentile dottore le riscrivo ancora dopo 2 anni per un problema alla gamba sinistra. soffro di questo dolore da 4 anni che inizia dal linguine scende verso la coscia anteriore e quando è forte mi prende il ginocchio e il polpaccio. la notte trovo difficoltà a trovare la posizione per dormire. l'appertura della gamba è quasi inesistente. ho eseuito una risonanza che dice:Coxartrosi d'anca sn caratterizzata da severa riduzione d'ampieza della rima articolare con usura cartilaginea in particolare sul versante superoestrerno,sclerosi subcondrale del tetto acetabolare. alterazione distrofico-cistiche sottocorticali prevalenti sul versante iliaco ove si osserva la presenza di voluminoso riassorbimento geodetico del margine acetabolare superiore ( circa cm 3.5) concomita discreto edema intraspongioso per sofferenza dell'osso subcontrale su entrambi i versanti articolari. osteofitosi pericefalica. abbondante versamento coxofemorale. note di coxartrosi d'anca dx con versamento articolare. note irritative dell'inserzione troncanterica del ventaglio gluteo bilateralmente con minima borsite a sinistra.
mi sembra di capire che la sinistra è messa male ma inizia anche la destra.
sono destinata a fare la protesi o in alternativa ci sono altri metodi efficaci ho sentito parlare di una nuova tecnica eseguita al gaetano pini di milano cosa ne pensa la ringrazio per l'attenzione buongiorno
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La storia clinica che ha riportato e il referto RM lasciano intuire che l'articolazione coxo-femorale di sinistra è molto compromessa. In questi casi è importante effettuare una valutazione clinica al fine di poter stabilire una terapia appropriata ma tutto lascia pensare che la soluzione chirurgica di una protesi sia la scelta più giusta.
Le alternative possono essere prese in considerazione ma solo dopo una valutazione clinica.
AUguri
[#2] dopo  
Utente 280XXX

Iscritto dal 2012
grazie per la cortese risposta